02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Affari Italiani/ Il Primo Quotidiano On Line

Vendemmia - Si prevede produzione non abbondante, ma di ottima qualità ... Una vendemmia di qualità, non di quantità. Sono queste le previsioni dei principali produttori di vino italiani, raccolte da www.winenews.it e confermate dall'Unione Italiana Vini e dall’Ismea. Uiv e Ismea ritengono che lo stato dei vigneti italiani faccia pensare fin d’ora a un buon raccolto, pur con l’incognita delle condizioni meteo delle prossime settimane. I volumi di produzione di vino dovrebbero attestarsi su livelli del 2004, cioè confermare la ripresa rispetto al crollo del 2002 e del 2003, ma senza assumere i connotati del raccolto abbondante. Secondo Andrea Sartori, presidente dell’Unione Italiana Vini, "la previsione sopraggiunge in un momento delicato per il mercato, segnato dai continui ribassi dei prezzi e ancora in attesa di conoscere gli esiti della richiesta di una distillazione di crisi per l’Italia, che consentirebbe a molte cantine di liberare gli spazi necessari per stoccare la nuova produzione. Del resto, si tratta di un problema comune a tutto il mercato vitivinicolo mondiale, contrassegnato da forti eccedenze di prodotto. E’ importante in questa fase mantenere i nervi saldi e fare sistema, per evitare ulteriori diminuzioni dei prezzi che sarebbero dannose per tutti". I timori di siccità legati all'ondata di caldo di giugno sono stati allontanati dalle piogge e dalle temperature relativamente miti del mese in corso. L’inverno molto lungo e piovoso, poi, ha consentito ai vigneti, in particolare a quelli del Mezzogiorno, di arrivare all’estate con buone riserve idriche.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli