02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
POTENZIALE VITICOLO

Albi dei vigneti, la Toscana dice ok ai 190 ettari richiesti dalla Doc Bolgheri

Si apre un percorso, come anticipato da WineNews, che presto potrebbe essere seguito da altre prestigiose Denominazioni della Regione
ALBI DEI VIGNETI, BOLGHERI, DENOMINAZIONI, REGIONE TOSCANA, VIGNETI, Italia
Bolgheri, vigneti verso il mare

La riapertura degli Albi delle denominazioni del vino di Toscana è ufficialmente cominciata: come già anticipato da WineNews, la Regione Toscana ha dato l’ok alla richiesta della Doc Bolgheri di portare altri 190 ettari del potenziale vinicolo del territorio, tra i più dinamici e performanti d’Italia sotto la denominazione (120 per il Doc Bolgheri rosso e 70 per il bianco), che si aggiungono così ufficialmente ai 1.370 attualmente rivendicati.
Questo prevede la delibera approvata dalla Giunta Regionale, come annunciato dall’Assessore all’Agricoltura, Marco Remaschi: “ciò che serve a Bolgheri è fare in modo che i suoi produttori vinicoli possano valorizzare al massimo i loro terreni, le loro vigne e i loro vini nell’ambito della denominazione di origine e sui mercati. E da oggi tutti gli imprenditori locali hanno la possibilità di farlo secondo precise regole. A breve definiremo termini e modalità per la presentazione delle domande di concessione della nuova superficie rivendicabile da parte delle aziende agricole che ricadono all’interno della denominazione”.
La strada, dunque, è aperta, e la decisione positiva sulla richiesta di Bolgheri, potrebbe essere da incentivo anche per le altre denominazioni della Regione, dal Brunello di Montalcino al Chianti Classico, dal Chianti al Nobile di Montepulciano, per citare le più celebri, dopo l’invito della Regione ai Consorzi a presentare dei Piani di programmazione triennale, con l’obiettivo primario di arrivare ad un equilibrio sul mercato.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli