02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ansa

Salone del Vino - Arrivano i vitigni casseforti ... Non solo vini da collezione, ma anche interi vigneti, custodi al tempo stesso della biodiversità e delle migliori tradizioni del made in Italy: al Salone del vino che viene inaugurato domani, tra centinaia di preziose etichette, verranno presentate anche le 'casseforti del vino', autentici vigneti-collezione. Si tratta di vigneti sperimentali che arricchiscono i possedimenti delle più importanti cantine, dal Piemonte alla Sicilia. Laboratori dove vengono testate anche varietà provenienti da altri paesi per elevare la qualità dei vini italiani. "L' obiettivo delle 'casseforti del vino' - spiega Leonardo Valenti, studioso dell' università di Milan e uno dei massimi esperti italiani di viticoltura - è, in generale, quello di collezionare e conservare le moltissime specie di vite dell' immenso patrimonio ampelografico italiano e, quindi, il prezioso valore biologico della biodiversità". "Spesso - continua Valenti - questo paziente lavoro di ricerca e sperimentazione decreta l' effettivo recupero di un vitigno autoctono, come è avvenuto nel caso del Sagrantino, consentendo di produrre nuovi vini di elevata qualità. In altri casi, lo studio garantisce la semplice, ma fondamentale conservazione di vitigni autoctoni minori, anche non in vista di un immediato utilizzo produttivo. In altri casi ancora, infine, nei vigneti sperimentali si effettua anche un paziente lavoro sui vitigni autoctoni ormai consolidati, dal Sangiovese al Nebbiolo, dal Montepulciano, Abruzzo all' Aglianico, operando nuove selezioni clonali per ottenere caratteristiche più adeguate alla produzione dei vini di alta qualità".

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli