02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Club Di Papillon Di Paolo Massobrio

Curiosa l’iniziativa della rivista Bibenda e dell’Ais di Roma, che per controbattere alle critiche rivolte dalla rivista Il Mio Vino hanno diffidato i produttori di vino dal far pubblicità su quella rivista, pena il non inserimento nella guida Duemila del 2007.

Cartolina per … Franco Ricci

Caro Ricci, nessuno entra nel merito dell’attività di organizzatore romano, apprezzatissimo fra l’altro, di comunicatore che ha accesso senza problemi alle reti Mediaset e Rai, facendoci sentire Roma sempre più lontana. E che dire dei premi? Si può essere d’accordo o meno sugli Oscar destinati a questo o a quello. Di premi ce ne sono tanti, ho letto di alcuni che vedono persino produttori di vino dare i premi ai giornalisti (sic!). Nella Repubblica delle Banane ci può stare tutto, ma con questa iniziativa arrogante credo che tu abbia superato il limite. Ed è il limite che arriva a coinvolgere, loro malgrado, quei produttori di vino che ne hanno le tasche piene delle polemiche tra giornalisti. Ma che senso ha mettere in imbarazzo un produttore di vino, discriminarlo perché ha liberamente scelto un mezzo su cui fare pubblicità che non risulta simpatetico alla tua guida? Ma può essere una guida seria, quella che usa il proprio mezzo editoriale e terze persone, come fendente per suonar vendette? A questo punto - lo dico con l’amarezza di chi stima innanzitutto l’Ais - sarebbe più serio che i produttori di vino, liberamente, pubblicità o meno, chiedessero di non apparire affatto sulla guida Duemilavini. Loro non devono c’entrare con le beghe da basso impero. Mai!

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli