02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere della Sera

Genagricola compie 170 anni e ora scommette sul vino … Una nuova strategia enologica per la holding agroalimentare, la più grande d’Italia, risparmi energetici con le pratiche di precisione, la sostenibilità dei campi rigenerati... Una bottiglia verrà consegnata nei prossimi giorni al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. D’altra parte, non si tratta di un vino qualsiasi: è il blend tiratura limitata prodotto in occasione del 170esimo anno di Genagricola, la holding agroalimentare di Generali, nata nel 1851 con la prima e più grande bonifica a opera di privati nella storia d’Italia, realizzata nella tenuta Ca’ Corniani vicino a Venezia. “Un periodo lungo di storia, che equivale a 680 stagioni”, dice Igor Boccardo, amministratore delegato della società. “Perciò ne abbiamo prodotte solo 680 bottiglie con le migliori uve delle nostre aziende più blasonate. Ci piace dire: questo vino potrà invecchiare come noi, 170 anni...”. E come accade in genere quando si parla di aziende così longeve, la loro storia racconta un po’ quella del Paese. Tanto più se si tratta di un’azienda agricola che ha visto, con l’Italia, il passaggio dalle bonifiche alle nuove tecnologie, dall’agricoltura vissuta come “settore primario” a quella hi-tech, di precisione, definita 4.0, e alla sostenibilità. Che in Genagricola è stata “coltivata” fin dall’inizio anche nel suo aspetto di welfare, e che ora si declina fra l’altro nell’agricoltura simbiotica. Oggi Genagricola è la più grande azienda agricola italiana con 15 mila ettari coltivati, 8 mila dei quali in Italia e 7 mila in Romania, in 25 aziende agricole. Il fatturato di 60 milioni, suddiviso fra Italia, Romania, Stati Uniti e Cina, è realizzato per un terzo nel settore vinicolo (oltre 4 milioni di bottiglie in 900 ettari di vigneto con diversi brand), per il 7% nelle energie rinnovabili con due impianti a biogas (per circa 6 mila famiglie) e per il resto nella produzione agricola. A partire da questo mix Boccardo, alla guida di Genagricola da settembre 2019, desidera che l’azienda aumenti la capacità di trasformazione: “Con una visione: dobbiamo passare da “agri” ad “agrifood”, salendo nella scala del valore aggiunto”. Un esempio, contenuto per dimensioni ma chiaro nel significato: “Nel 2021 abbiamo fatto un primo test producendo con il nostro orzo la prima birra, così come con la nostra uva produciamo il vino”. Ed è proprio il vino il focus principale nel futuro dell’azienda. “Oggi siamo nella top 5 dei produttori viticoli, escluse le Coop, ma ci collochiamo al 90esimo posto per la vendita di vino. Siamo ancora agricoltori tradizionali, che cedono a terzi parte della propria uva”. Ebbene, si cambia. E con questo obiettivo è stata creata nel 2021, con uno spin-off, Leone Alato. “Società con focus commerciale che ha il compito di trainare la nostra crescita nel vino, “contenitore” della nuova architettura dei brand, tra cui spiccano Bricco dei Guazzi, Torre Rosazza e Costa Arente”. Dal focus su enoteche e ristorazione, alla decisione di semplificare il portafoglio indirizzando più verso il retail di fascia media marchi come Tenuta Sant’Anna. Se la scelta produttiva si sposta dunque verso il maggior valore aggiunto, nei piani di Genagricola ci sono poi alcune scelte di fondo, come l’agricoltura di precisione e la sostenibilità. Per quanto riguarda la prima, Boccardo fa una sintesi: “L’agricoltura 4.0 è un metodo, un sistema, per dare alla terra quanto, quando e come serve”. In base ai dati che corrono sulla rete fra satelliti, droni, computer e trattori, il precision farming ha consentito di ridurre del 40% il consumo d’acqua, del 9% quello di gasolio e del 20% l’utilizzo della chimica. “E questa è sostenibilità”, dice Boccardo, che si sofferma anche su un alto metodo, utilizzato in Genagricola: l’agricoltura simbiotica. “Il suolo “sfruttato” non è più in grado di assorbire CO2, perciò con pratiche agricole molto semplici, quotidiane, bisogna “rigenerarlo”, cioè ricostruirne la flora batterica”; il che consente di ridurre drasticamente (90-95%) l’utilizzo di prodotti chimici. “Anche l’orzo per la nostra birra è simbiotico”. Si tratterà inoltre di appropriarsi delle tecniche del carbon farming, in modo da raggiungere l’obiettivo della neutralità carbonica. “Da conseguire nel minor tempo possibile”, sulla base di un punto di partenza: il primo bilancio di sostenibilità, che verrà realizzato per questo esercizio.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli