02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere della Sera

Dal Veneto alla Sicilia. 15 campioni regionali … Ecco chi vanta un posizionamento competitivo sopra la media nella filiera vinicola secondo i 60 parametri dell’Agri4index Unicredit-Nomisma wine monitor – Vinitaly… Veneto, Trentino Alto Adige, Toscana, Piemonte e Sicilia: ecco le cinque regioni che vantano un posizionamento competitivo sopra la media, secondo l’Agri4index Unicredit-Nomisma wine monitor-Vinitaly. L’indice di competitività che lo scorso anno ha consacrato la filiera vinicola italiana come la più forte tra le filiere agroalimentari del Paese, torna alla carica mettendo a fuoco questa volta le singole regioni, in ogni loro caratteristica: dalla capacità produttiva alla dimensione media delle aziende, al peso export, per citare solo alcuni dei 6o parametri presi in considerazione. Insomma una radiografia che punta a conoscere a fondo il mercato.
“Il settore vitivinicolo italiano si trova oggi ad affrontare nuove e imprevedibili sfide, come per esempio il contesto geopolltico, che haprodotto un impatto per l’export di vino di oltre 400 milioni di euro o l’impennata dei prezzi delle commodity”, dichiara Niccolò Ubertalli, responsabile UniCredit Italia. “Per questo UniCredit ha stanziato un plafond straordinario di i miliardo di euro per aiutare le imprese agricole a far fronte alle crescenti spese correnti. E inoltre mettiamo a disposi zione del comparto il know how dei nostri specialisti per intercettare nuove traiettorie di crescita, magari su mercati ad alto potenziale come la Corea del Sud e l’Australia”. A quanto pare è grande amore tra Unicredit e il mercato vinicolo itallino. Al punto da attraversare la penisola in lungo in largo per individuare direttamente con gli imprenditori esigenze, criticità, prospettive. L’iniziativa, realizzata a braccetto con Nomisma wine monitor diretta da Denis Pantini, si è sviluppata attraverso 8 tavoli regionali e si è conclusa al Vinitaly, in apertura del più importante evento del vino italiano, mettendo in luce le esigenze più sentite dai vignaioli-imprenditori. Qualche esempio? Fermo il problema dei costi di produzione awertito in ogni dove, in Veneto si sente la necessità di una maggiore diversificazione dell’export, in Sicilia si preme molto sulla sostenibilità a 36o,a patto però che il peso della certificazione sia forte al punto da determinare un aumento del valore aziendale.
In Emilia Romagna si punta su una forte identità regionale che poggi anche sull’enoturismo per potenziare l’export. In Puglia si sottolinea l’importanza che tutta la regione abbia una copertura di rete per potere parlare di transizione digitale e agricoltura di precisione, mentre in Piemonte si richiede maggiore consulenza per le piccole imprese che rappresentano il cardine del territorio. Ancora in Lombardia si auspica una crescita della cultura aziendale più attenta al consumatore. Solo alcuni degli spunti emersi dagli incontri. Sullo sfondo la fotografia delle varie regioni. Cosa è emerso? Al di là dei dati di scenario 2021 (import cresciuto ovunque, record di export, Gdo in crescita e ripresa della ristorazione) è interessante scoprire alcune caratteristiche regionali fin qui inedite. Si scopre per esempio che in Valle d’Aosta il prezzo medio di una bottiglia di vino nella grande distribuzione è quasi il doppio della media nazionale: 12,34 euro al litro contro 5,6 euro. Anche in Liguria non si scherza: 9,85 euro di media, seguita da Trentino Alto Adige (7,9 euro), Sicilia (6,89) e Campania (6,75). La Toscana vanta il valore aggiunto sul fatturato più alto in assoluto, seguita da Campania, Sicilia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto, Liguria, Basilicata, Campania e Puglia il peso delle aziende condotte da giovani agricoltori è molto più alto che altrove.
E dove si trova la maggiore estensione di vigneti Bio sul totale in produzione? Questa coccarda spetta a Calabria, Marche, Toscana, Sicilia e Basilicata. Va da sè che le cinque regioni fuoriclasse si ritrovano quasi sempre in prima fila in ognuno dei 6o parametri esaminati.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli