02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere della Sera

Chianti, Maremma & Co. L’oro rosso vale più di un miliardo … Prendi un winelover americano, stappa un vino toscano e farai un uomo felice. Se poi nel bicchiere c’è un Brunello di Montalcino o un Supertuscan o un Chianti Classico sarà tuo amico per sempre. Proprio così. Come se non bastassero i tesori artistici, la storia millenaria, i paesaggi mozzafiato, a fare della Toscana una delle mete più sognate a livello planetario è l’eccellenza dei suoi vini. Un mosaico di produzioni (o di denominazioni per dirla con i vignaioli) che ha pochi confronti e appassiona i consumatori. Terra di grandi rossi, con il vitigno Sangiovese che la fa da padrone nelle sue varie declinazioni, la regione vanta etichette che fanno perdere la testa ai collezionisti di tutto il mondo, come il Sassicaia della Tenuta San Guido, il Masseto e l’Ornellaia della Marchesi Frescobaldi, il Solaia e il Tignanello della Marchesi Antinori. Ma non solo. La Toscana del vino piace anche e soprattutto perché dagli Appennini alle sue dolci colline orlate di cipressi  fino al mare Tirreno propone vini per tutte le tasche, non solo per intenditori, figli del loro territorio e quindi unici. Chianti (la denominazione più diffusa e popolare da non confondere con il Chianti classico noto anche come Gallo nero), Morellino di Scansano (il rosso che nasce a sud della regione, vicino al mare), Bolgheri (area in grande spolvero di etichette pregiate), Orcia (figlia della Val d’Orcia patrimonio Unesco, è tra le più giovani e intraprendenti denominazioni), Nobile di Montepulciano (questo rosso di razza è anche la prima docg italiana e ha appena deciso di aggiungere in etichetta “Toscana” per distinguersi dall’omonimo vino abruzzese ), Vernaccia di San Gimignano (il più importante bianco della regione) o ancora Maremma toscana che si estende tra il Monte Amiata e la costa maremmana fino all’Argentario e  conta tra i suoi vini anche il Vermentino, un bianco biricchino molto gettonato: sono solo alcune delle più note denominazioni che compongono la variegata tavolozza enologica  toscana...

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli