02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere della Sera

Il risiko delle cantine Frescobaldi conquista la tenuta di Cragnotti ... Riparte il risiko della cantine italiane. Superata la flessione delle vendite durante il lockdown, riprendono le acquisizioni. Il più rapido, tra gli imprenditori del vino nella fascia alta dei ricavi, è stato Lamberto Frescobaldi, il presidente della Marchesi Frescobaldi, che ha fatturato 106 milioni di euro nel 2020, con un aumento del 12,9% sull’anno precedente. Frescobaldi ha acquistato Tenuta Corte alla Flora, 90 ettari di cui 3o vitali a Montepulciano. L’azienda apparteneva a Sergio Cragnotti, che è stato al vertice di Ferruzzi, Montedison e in Cirio-Bertolli-De Rica. Una carriera, quella di Cragnotti, con successi (come la conquista nel 2000 dello scudetto con la Lazio, acquisita 8 anni prima) e cadute: nel 2004 venne arrestato per bancarotta fraudolente proprio tra i vigneti di Montepulciano. L’accordo è stato chiuso in sole due settimane. A dare la spinta decisiva è stato un giro in auto, con Cragnotti , 81 anni, che guidava e mostrava a Frescolbaldi i vigneti (seguiti dal professor Attilio Scienza e dall’enologo Vittorio Fiore), i boschi e i due laghi della tenuta. “Cragnotti è un appassionato del settore del vino - racconta Frescobaldi - ma probabilmente ha incontrato più complessità del previsto”. L’ex finanziere si era stabilito nella tenuta, ora probabilmente tornerà a Roma. Cervognano, la sede della cantina, è una delle zone più note del Nobile del Montepulciano, un vino antico, citato dal 789. “Una denominazione che non ha avuto negli ultimi decenni il successo che merita - dice Frescobaldi - mi auguro di poter dare il nostro contributo. L’obiettivo ora è di allargare la superficie vitata, ma senza fretta”. Con l’affare di Corte alla Flora (la notizia è stata anticipata dall’agenzia WineNews) salgono a 9 le tenute dei Frescobaldi, per un totale di oltre 1.500 ettari. In Toscana il gruppo conta su Castello di Nipozzano, Castello di Pomino, Rèmole, Tenuta Castiglioni, Perano a Gaiole in Chianti, Tenuta Ammiraglia e Castelgiocondo. E sulla cantina “sociale” nell’isola carcere di Gorgona. La famiglia possiede poi due cantine con vini tra i più veduti nelle aste internazionali, Masseto e Ornellaia a Bolgheri, e Luce a Montalcino. E ha anche un avamposto al Nord, Attems, in Friuli Venezia Giulia.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli