02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere della Sera - DiVini

La Mina del vino ha portato il pianoforte tra i filari … Caterina Dei è la Mina del vino italiano. Canta, incide cd e si esibisce sul palco. Poi torna in cantina e imbottiglia il Nobile di Montepulciano, il meno lodato (a torto) tra i grandi rossi a base di Sangiovese. Il suo primo cd si apre con una riuscita interpretazione de II cielo in una stanza di Gino Paoli. Ma i versi che sembrano scritti per lei sono quelli de Il cigno dell’amore del suo mito, Mina: “L'ebbrezza del tuo vino / non offenderà nessuno / non affiorerà Fingiamo”. Prive di inganni sono le sue Cantine Dei, a Montepulciano, provincia di Siena. 120 ettari, più della metà ricoperti dalle viti. Cinque i cru: Bossona, Martiena, La Ciarliana, La Piaggia e Cervognano. L’edificio è in travertino toscano, pavimento e colonne in tre tonalità di grigio, il materiale che decine di scultori (da Pietro Cascella a Matthew Spender) hanno usato per le loro opere e che la Travertini Paradiso della famiglia Dei ha usato anche per abbellire il World Financial Center di New York. Proprietario di una cava a Rapolano, Alibrando Dei acquistò nel 1964 i primi terreni per il vino a Bossona. Nel 1985, una splendida annata per il vino in Toscana, la prima bottiglia di Nobile di Montelpulciano. “Io intanto sognavo una vita nel mondo dello spettacolo”, racconta Caterina, “ero fuggita a Milano e avevo provato l’esame per l’Accademia dei Filodrammatici. Ero riuscita a superare la selezione, tra centinaia di aspiranti studenti. Nel 1991 papà mi chiese di aiutarlo nella vendemmia e mi fece trovare un bellissimo pianoforte in salotto. Lo stesso regalo che mi fece il nonno quando avevo sei anni. E ho capito che i due mondi, quello della musica e quello del vino, potevano convivere e trasmettere emozioni allo stesso modo”. Da allora non ha più lasciato Montepulciano, arrivando a produrre 250 mila bottiglie l’anno. Grazie all’aiuto di un giovane enologo, Jacopo Felici. Il vino base è il Rosso Montepulciano, polposo, ampio, profuma di melograno. Poi il Nobile Bossona, che ricorda le olive e i capperi della macchia mediterranea. Cremoso e balsamico come il Nobile Madonna della Querce.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019