02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera / Magazine

Mele e mandorle per l’olio di fine anno ... Incontrando Antonio Statti in occasione della presentazione dei suoi vini, curati dagli enologi siciliani Vincenzo Bambina e Nicola Centonze, l’attenzione si è spostata sul progetto, suo e del fratello Alberto, di valorizzare il legame profondo con la storia e la tradizione del territorio calabrese con uno sguardo rivolto verso il futuro e l’innovazione. Estesa su 500 ettari, l’azienda di famiglia è una delle proprietà a corpo unico più estese della regione. Suddivisa in vigneto, uliveto e agrumeto, non manca di zootecnia. Qui viene allevata la vacca di razza bruno alpina e frisona che dà ottimi latte e carne. E insieme a un intenso profumo di frutta matura, lievemente speziato e balsamico emanato da un calice di Cauro, vino morbido e di color rubino, Antonio ha fatto assaggiare anche il suo extravergine d’oliva. La cultivar Carolea, antica varietà autoctona, raccolta meccanicamente tra novembre e i primi di dicembre e molita nel frantoio dell’azienda, regala un olio giallo vivace, di bassa acidità, elegante e con carattere deciso, fruttato con sapore di mela, sentori di mandorla e leggere note amare e piccanti. È adatto su piatti di pesce, pietanze delicate e verdure. Statti, Lamezia Terme (Cz), Tel. 0968456138

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli