02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Brunello «sinfonico». Quando lo assaggio mi fa sentire come fossi abbracciato dalla musica di Mahler ... Repetita iuvant. Il primo libro da me edito - 1956, pensa tè - è il Dizionario dei Proverbi Italiani. Nasceva da appassionanti ricerche giovanili, per far base, alla fine - data l' eccellenza dei loro scritti - sulle opere di Giuseppe Giusti e Gino Capponi. Per cui so bene: molte volte sembrano contraddittori. Se ti soffermi e ti riferisci ai momenti e alle probabili occasioni in cui furono detti per prendere poi corpo, sempre ti accorgi essere utili insegnamenti. Repetita iuvant è latino e sta a significare che le cose dette e ridette, ad un certo momento vanno a buon fine. Queste meditabonderie nascono all' assaggio dei vini di Stella Di Campalto, Azienda Agricola San Giuseppe, Podere San Giuseppe 35, in Montalcino di Siena. In vari luoghi del percorso degustativo, mi sono sentito come abbracciato dalla musica di Gustav Mahler. Vado giù, ancora più presupponente, con il Rosso di Montalcino 2002 - in sé e per sé, non una grande annata - tale tuttavia per soffuso abbandono, da «immergermi» in alcuni passaggi dell'adagio dell'ultima sinfonia. Ripeto. Per anni ed anni ho tentato di giungere ad essere così complesso e minuzioso da poter trasferire nel mio lettore, le sensazioni da me avvertite negli assaggi e di trasporre in lui, lettore, il «racconto» singolare e diverso d' ogni vino. Da tempo - me ne sono accorto man mano che mi rileggo, con qualche pazienza e nel rigoroso ordine cronologico - ho (quasi del tutto) abbandonato, le puntigliose descrizioni organolettiche, spinte, una volta, nei minimi particolari e addirittura - per favorire in ogni modo, il corretto ascolto del lettore - con l' invenzioni di espressioni e di neologismi enoici. Millanta volte meglio suggerire - se mai sottovoce (ma sottovoce non ci riesco) - la musica, il canto, la poesia che suscitano in me. E qui entra in pieno il repetita iuvant. Ogni buon assaggio di Brunello di Montalcino - qualsiasi il cru - mi ricorda Gustav Mahler. Ripeto. Invito i «signori» di quei luoghi ad organizzare nell' Abbazia di Sant' Antimo una degustazione - faccio per dire - «in contrasto». Gioverebbe.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli