02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Un annuncio ipocrita. I controlli sono inesistenti ... Scatta la tolleranza zero per chi si mette al volante dopo aver bevuto. In commissione Trasporti alla Camera è stata raggiunta un’intesa bipartisan: scenderà da 0,50 a 0,20 il tasso alcolemico nel sangue di chi guida. In pratica non si potrà bere più di un bicchiere. Multe e ritiro patente per chi sgarra. Vale per la guida ubriachi. Leggo: “Non si potrà più bere alcol se si vorrà guidare: basterà un tasso alcolico dello 0,2% (ora 0,5%) per vedersi ritirare la patente!”. Penso: ci risiamo. Davanti a un’emergenza, l’Italia non aumenta i controlli: inasprisce le sanzioni. L’apparenza è salva, e tutto continua come prima. Ogni giorno e ogni notte schianti e sangue e disperazione e famiglie distrutte e funerali in fotocopia e amici che piangono. Le tragedie arrivano nei telegiornali solo se muoiono cinque persone tutte insieme; ma le pagine dei giornali locali sono campisanti disseminati di fotografie. Comitive falciate alla fermata dell’autobus, famiglie annientate da mostri motorizzati. Vogliamo evitarlo? Non servono norme nuove; servono vecchi, banali, pedanti e ripetuti controlli. Senza controlli non c’è norma che tenga. Se è vero - ed è vero - che l’automobilista italiano ha una probabilità ogni 74 anni (!) d’essere fermato e costretto a soffiare nell’etilometro, che senso ha abbassare i limiti del tasso alcolico? L’impressione è che la politica - pigra e pavida per anni, di fronte alla richieste di lobbisti dell’alcol, ristoratori e discotecari - ora voglia mostrare di esserci, di indignarsi, di reagire. Lo faccia. ma non in questo modo ipocrita. Giuliano Amato, quand’era ministro dell’Interno, mi spiegò perché in Italia i controlli erano pochi: mancavano i soldi (per le pattuglie, gli straordinari, gli etilometri, la benzina extra). Da allora qualcosa è stato fatto, dal governo uscente e da quello entrante. Ma non basta. Non ci sono i soldi per pagare - come sarebbe giusto - quei poliziotti e quei carabinieri il cui compito è impedirci d’ammazzarci in auto. Abbassate il tasso alcolico, oppure lasciate quello attuale. Il problema non è questo. Un automobilista deve sapere che, uscendo da un locale notturno, ha molte probabilità di essere fermato. Fuori dal parcheggio, sulle statali, all’ingresso delle città. Come accade in Nordeuropa, dove bevono di più e peggio di noi. Ma non si ammazzano come noi.
Se i controlli non ci sono, il resto sono chiacchiere. Risparmiatecele. Siamo di fronte alla strage a puntate di una generazione. Una cosa troppo seria per decorarla di retorica.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli