02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

L’estate dei divieti comunali (che nessuno fa rispettare) ... Vietati gli assembramenti di due persone nel centro di Pordenone. Vietate le panchine ai minori di 70 anni a Vicenza. Vietato baciarsi in auto a Eboli. Vietato di tutto, quest’estate: le nuove gude partite dai Comuni sono finora 556.330 nel Nord. Tante sembrano decise dai sindaci per fare la faccia feroce; per farsi pubblicità; per avere l’approvazione di gente che non li rispetterà. Insomma: nessuno crede che due commercialisti friulani rinunceranno a passeggiare dopo lo spritz (il divieto è pensato per i giovani rumorosi); che le sessantenni venete, col caldo che fa, eviteranno di afflosciarsi sulle panchine (il sindaco ce l’ha con gli immigrati, chiaramente); o che i ragazzi campani rimarranno casti nell’abitacolo (vivono coi genitori, santa pazienza). Sono divieti per benpensanti. Ma fanno venire dubbi genere “legge e ordine” anche ai più libertari: con i tagli di fondi alle forze pubbliche, con le volanti senza benzina, con i vigili a ranghi ridotti, chi andrà in giro a verificare che i passanti obbediscano alle nuove delibere, e al Codice penale? Anche i divieti ragionevoli, come quello di servire alcolici sotto i 16 anni, richiedono pattugliamenti capillari; se non sono possibili, cosa devono fare polizia e carabinieri a Campo de’ Fiori o alle Colonne di San Lorenzo: chiedere i documenti a tutti i giovani con birretta o cercare i pusher? A Campo de’ Fiori i carabinieri sono stati aggrediti da un gruppo che difendeva uno spacciatore, giorni fa, poi, la Benemerita non ha avuto tempo di controllare se fossero quindicenni e sobri.

Come non avrà tempo (né loro, né altri) di monitorare i tosaerba rumorosi in Versilia, gli zoccoli proibiti sulla Divina Costiera, i castelli di sabbia illegali a Eraclea (questa è la più bella, via). Forse gli unici in grado di mantenere l’ordine pubblico (altro che ronde) sono i turisti sudcoreani. A Roma hanno atterrato un borseggiatore a colpi di taekwondo. Il ladro era felice quando l’hanno arrestato e salvato. Ma star dietro a tutti i nuovi divieti a pioggia e a la carte sarebbe troppo anche per i coreani, francamente, si teme.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli