02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Forum sulla produzione vinicola a Rocca Salimbeni… … E il Monte Paschi sceglie i Piccoli “Più capitali per l’agricoltura” … Serve un “deciso strumento fiscale” per aiutare gli imprenditori a ripatrimonializzare le piccole e medie aziende italiane, e in primis quelle della filiera agricola “della quale non ci si può più disinteressare”. E anzi da scelta di sostenere le ricapitalizzazioni e la crescita dimensionale delle imprese non è più rinviabile”. Il presidente del Montepaschi e dell’Abi Giuseppe Mussari parla nel salone della Rocca straripante di produttori e ospiti intervenuti al primo Forum sul vino italiano organizzato dalla banca senese. Erano attese 250 persone, ne arrivano più di 500 da tutta Italia in piazza Salimbeni e a qualcuno tocca seguire gli interventi, tra cui quello del ministro delle Politiche agricole Giancarlo Galan, dai maxi schermi allestiti in sale secondarie mentre si fa largo l’idea che questo primo appuntamento a Rocca Salimbeni sia il banco di prova degli Stati Generali dell’Agricoltura. I tecnici di Mps Research snocciolano i numeri di un’indagine che conferma i segnali di ripresa dell’industria vitivinicola, che in base a un nuovo indice elaborato dal gruppo vede un progresso già nel 2011. Un giro d’affari da 15,5 miliardi, l’1% del Pil e un milione di addetti, dei quali 200 mila stagionali (2o mila immigrati). L’Italia copre il 17% della produzione mondiale di vino e il 28% di quella Ue è appesa una parte delle speranze di ripresa dell’export nazionale. La sola Cina ha raddoppiato le importazioni di vino italiano ( 105%), sebbene a farla da padrone sia ancora la Francia, sbarcata nel 1980 con i suoi vini a Pechino e, come ha spiegato in l’importatore cinese Sen Liu, sottolineando come l’Italia non abbia sempre saputo fare sistema. Più in generale in Asia, secondo la ricerca dell’ufficio studi di Mps, che il consumò di vino sta aumentando a una velocità pari a quattro volte quella media mondiale, con un tasso di crescita atteso del 25% tra il 2009 e il 2013. Il limite dimensionale è quello ché oggi preoccupa di più i produttori tra i quali l’indagine Mps rileva “il forte interesse” nel nuovo modello organizzativo della crete d’impresa”. Un tema, quello della dimensione, che per Mussari “è il momento di confronto con le banche” anche se la politica deve fare la sua parte con il meccanismo degli inventivi fiscali. Galan, intervenuto in apertura della tavola rotonda, ha assicurato che il compito della politica è quello di “realizzare le condizioni” perché l’imprenditore possa lavorare in un sistema “più semplice, più facile”. E nonostante i paletti qualche volta “un po’ troppo severi nei nostri confronti” imposti da Bruxelles si è detto “ottimista di poter vedere le nostre etichette nei grandi Paesi del Mondo”. Paola Pica Giuseppe Mussari, presidente di Mps. La banca ha organizzato il primo Forum sul vino italiano. L’industria vitivinicola vanta un giro d’affari da 15,5 miliardi

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli