02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Vissani ai fornelli nell’ex villa del boss trasformata in hotel ... Antimafia In un’area appartenuta ai Templari... L’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata (Anbsc) ha “arruolato” Gianfranco Vissani. Il celebre chef offrirà la sua esperta consulenza per rilanciare il complesso del Parco dei Templari di Altamura, che apparteneva ad un boss locale. La proprietà, circa 67 mila metri quadrati di terreno tra le colline di Gravina e Altamura, sorta su un antico insediamento dei cavalieri del Tempio, che vi accoglievano a proteggevano i pellegrini diretti in Terra Santa, è stata sequestrata nel 2002 e dopo una lunghissima vicenda giudiziaria, ai primi di febbraio del 2011 l’Anbsc è riuscita a prenderlo in gestione. L’obbiettivo ora è valorizzare la struttura alberghiera, specializzata in banchetti nuziali e salvaguardare i posti di lavoro. Quasi tutto il personale già esistente infatti verrà riconfermato. “Sono stato investito di questo compito dallo Stato”, spiega Vissani, che dice di sentirsi “carico di orgoglio e di entusiasmo”. E continua: “Farò il direttore generale, anche se naturalmente non potrò cucinare di persona” (il suo regno culinario è vicino a Todi). A quello provvederanno però i suoi allievi fidati. “Cercheremo di migliorare la qualità del mangiare e di abbassare i prezzi, offrendo un servizio più adeguato. Vorrei valorizzare questo magnifico territorio, così ricco di materie prime uniche, dal pesce alle mozzarelle, dall’agnello all’olio e fino al celebre pane di Altamura”. Il Parco dei Templari diventerà anche un luogo di aggregazione sociale. “Vorrei organizzare degli scambi di cultura gastronomica, degustazioni di vini, di formaggi, di cioccolato, sempre a prezzi modici, in modo che tutti, anche le famiglie, possano partecipare. La Puglia, terra straordinaria, se lo merita. E per me è quasi una ciliegina sulla torta nella mia carriera”. Il progetto verrà presentato oggi dal sottosegretario di Stato Alfredo Mantovano e dal prefetto Mario Morcone. Da qui al 2012 ci sono già non meno di cento prenotazioni per ricevimenti di nozze.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli