02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Da Nievo al Brunello, Agende a tema ... Nonostante le offerte provviste di tecnologie sofisticate, capaci di avvisarci di un nostro appuntamento anche in un secondo prestabilito, le agende di carta non muoiono. Anzi, prosperano. Al “clic” si preferisce ancora la pagina sfogliata, al richiamo digitale una immagine che a volte sembra tratta dall’album della nonna caro a Guido Gozzano. Se così non fosse sarebbe difficile spiegare la serie ideata e ampliata da Gianni Rizzoni per l’editore Metamorfosi che, con l’aiuto di altri autori, ha ormai dato vita ad agende mirate al momento e all’avvenimento. O, se volete, agli argomenti di tendenza. Per il 1500 anniversario dell’unità, per esempio, ecco l’Agenda letteraria Ippolito Nievo (coautrice è Mariarosa Santiloni, sponsor la Regione Veneto). I giorni, in tal caso, vengono alternati da frontespizi di opere, riproduzioni di dagherrotipi garibaldini, notizie e aneddoti su battaglie e armistizi. Oppure potete cadenzare il vostro tempo con l’Agenda del Brunello di Montalcino (la co-curatrice, in tal caso, è di Silvana Biasutti). Qui entrano in gioco i valori culturali di un vino che ha anche il sapore del mito. Per questo è possibile trovare spazi dedicati a Giosue Carducci (non disdegnava mai un bicchiere di quello buono) o al fondatore dell’antroposofia e fondatore dell’agricoltura biodinamica Rudolf Steiner. E poi notizie storiche, sulla coltivazione, sul borgo che ha dato il nome e via di questo tono. Tutta da gustare insieme alla definizione che ha lasciato Filippo Tommaso Marinetti: “Il Brunello è benzina”. C’è inoltre un’agenda in dialetto milanese, ovvero Taccoin per l’ann 2012 (Roberto Marelli il coautore). E tutta scritta in vernacolo e si va da Mozart ai Gufi, dalla Società Umanitaria all’immancabile Carlo Porta. Né manca Manager 2012, annuario rivolto ai dirigenti (è curato da Francesco Bogliari), con finestrelle ricche di notizie dedicate anche a viventi (ricordiamo Gianfranco Dioguardi) o a personaggi storici come Enrico Mattei o Raffaele Mattioli. Per ultima, oltre l’Agenda letteraria 2012, ormai un classico, ci sembra doveroso segnalare quella dedicata a Dante con una presentazione di Alberto Arbasino e le tavole di Federico Zuccari. Troverete molto Purgatorio. Le pene che là si dovranno scontare sono anticipate quest’anno dalla crisi. Soffrire con grazia. E con il sommo poeta.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli