02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Un ex dipendente in cella per il raid del super Brunello ... Vendetta per una casa negata ... Quando Andrea Di Gisi, 39 anni, ex tuttofare dell’azienda, è entrato come un sabotatore nella cantina e ha aperto le botti con sei annate di vino straordinario, la marea rossa gli ha macchiato pantaloni, calzini, scarpe. Lui ha cercato di lavare tutto, più volte, e al telefono con un parente ha confessato d’essere tranquillo. “Non è sangue, meno male, ho pulito ogni cosa”. Invece no. I resti del Brunello sono rimasti lì e adesso i Ris di Roma stanno compiendo accertamenti sui jeans dell’uomo (trovati ancora nella lavatrice) per estrapolare tracce di vino rosso individuandone I polifenoli. Sarà l’ultima prova, quella schiacciante. Anche se forse non ce ne sarà bisogno: le intercettazioni ambientali e altri indizi, tra i quali i movimenti del sabotatore che conosceva la cantina nei minimi particolari, sono state sufficienti a far finire in carcere, con l’accusa di sabotaggio aziendale e violazione di domicilio aggravata Di Gisi, romano, diversi precedenti per furto, ricettazione e danneggiamenti.
L’uomo aveva lavorato nell’azienda Case Basse di Gianfranco Soldera e si era fatto notare soprattutto per i numerosi litigi. Uno degli ultimi era stato provocato dall’invidia perché l’azienda aveva assegnato un mini alloggio ad alcuni dipendenti e lui si era sentito escluso, meditando la vendetta. Vicenda conclusa, dunque. Con danni terribili per la blasonata azienda vinicola Case Basse (si parla di almeno 6 milioni di danni) ma anche con un sospiro di sollievo di investigatori, sindaco e cittadini di Montalcino. Perché a colpire non è stata l’ombra della mafia, loschi intrighi o turpi vendette tra produttori in seguito a Brunellopoli di 6 anni fa. “No, è stato l’atto vandalico di una singola persona - ha spiegato ieri mattina il sostituto procuratore, Aldo Natalini - e voglio assicurare tutti che non c’è stato alcun attacco al Brunello, nessuna emergenza”. Non è cosa di poco conto a Montalcino, terra di vignaioli e di una cultura del vino che va al di là del gusto e del disciplinare. “Finalmente, grazie agli investigatoti la serenità è stata restituita al nostro territorio - hanno detto il sindaco di Montalcino Silvio Franceschelli e il presidente del Consorzio del Brunello Fabrizio Bindocci - e ogni lettura tendenziosa dei fatti, di cui nelle sedi opportune si chiederà conto, è stata dissipata”. “Condanniamo - ha proseguito il presidente Bindocci - coloro che hanno voluto ricondurre quanto accaduto ad ipotesi criminali o vendette tra produttori”. Restano le ferite di un’azienda. “Ma noi non ci arrendiamo, risorgeremo più forti di prima”, fa sapere fiera la famiglia Soldera.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli