02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

I migliori d’Italia, le 20 nuove cantine di Wine Spectator ... Venti nuove cantine italiane sul podio di Wine Spectator. L’elenco è stilato dalla più influente rivista americana del settore per OperaWine, l’evento che aprirà il 21 marzo il Vinitaly di Verona. OperaWine, alla quarta edizione, fa incontrare produttori, esperti e importatori. L’idea è di raccontare la diversità e la ricchezza dell’Italia: i vini saranno svelati più avanti, anche con una guida edita dal Corriere della Sera. Ecco le 20 nuove aziende.
La più a nord è Anselmet, a poco distanza dal Parco del Gran Paradiso: fa vini con anima montanara e giusta dose di tecnologia, nati dall’intuizione di Renato Alselmet, ex impiegato dell’Enel e valorizzati dal figlio Giorgio.
Ai piedi delle Alpi anche la trentina Foradori, con le cento anfore custodite da Elisabetta, usate per le uve coltivate secondo le regole biodinamiche. Suo il merito di aver dato luce nuova a un vitigno semidimenticato, il Teroldego. In Alto Adige svetta Elena Walch, architetto, che con le figlie Julia e Karoline lavora in una cantina altoatesina carica di storia, trasformata con rigore in una fucina di vini eleganti. Più a est, sul Collio, troviamo Silvio Jermann, un grande innovatore. Tra le sue “invenzioni” il Vintage Tunina, uvaggio da 5 vitigni, Picolit compreso. Ora la sua è una grande azienda nel Collio.
Poi in Emilia due cultori del Lambrusco: Lini Oreste, con vini amati dal cantante Ligabue, che ha voluto una edizione speciale dedicata al nonno, “Luna di febbraio”; e Medici Ermete, famiglia alla quarta generazione nel mondo delle bollicine rosate. A Gaida di Reggio Emilia, il presente è impersonato da Alberto Medici, che ha abbassato le rese nel vigneto per ottenere uve migliori.
Due anche le new entry venete. Dalla zona del Soave Graziano Prà, metodi biologici (e richiami ai poeti contadini come Wendell Berry), con base a Monteforte d’Alpone. E da Valdobbiadene, in provincia di Treviso, l’azienda Nino Franco, di un prosecchista della prima ora: Primo Franco, che dimostra come il Processo possa diventare longevo.
Il Piemonte dei nuovi arrivati è guidato da Cavallotto, a Castiglione Falletto, una delle famiglie che ha fatto conoscere nel mondo il Barolo. I fratelli Alfio, Giuseppe e Laura sono l’ultima generazione al timone. Altri fratelli, i Massolino, barolisti dal 1896 a Serralunga d’Alba. Ancorati alla tradizione, hanno dato valore ai singoli cru. Il gruppo più consistente è toscano. C’è Badia a Passignano della famiglia Antinori, nel Chianti Classico, con un monastero che custodisce 2.000 barrique per affinare le uve di 56 ettari di Sangiovese. Poi Carpineto di Giovanni Carlo Sacchet e Antonio Mario Zaccheo: l’azienda è nata dal loro incontro negli Anni 70, e dall’idea di svecchiare l’immagine del Chianti Classico. E a Montalcino Luce della Vite guidata da Lamberto Frescobaldi, presidente di Marchesi de’ Frescobaldi: era nata da un patto con Robert Mondavi, californiano, figlio di emigrati marchigiani. I Mondavi hanno lasciato, Lamberto porta avanti l’idea di Luce, l’unione raffinata di Sangiovese e Merlot.
Dall’Umbria si smarca Tabarrini, con il giovane Giampaolo che ha imposto il suo Sagrantino, a Montefalco.
Due le cantine pugliesi: la prima della famiglia veneta Zonin, proprietaria diMasseria Altemura, arrivata nel Salento per “produrre vini mediterranei di grande qualità”. Primitivo, Fiano, Negramaro, Aglianico sono coltivati in 130 ettari. La seconda è Masseria Li Veli della famiglia Falvo che punta (nella Cellino San Marco di Al Bano) sull’equilibrio tra vitigni autoctoni e taglio moderno dei vini.
Azienda famigliare anche la D’Angelo, con il giovane Rocco, giovane che segue il monito di Orazio: “Non piantate alcun albero prima della Sacra Vite”. Con questa linea, si dedica ai vini austeri del Vulture. Un posto l’ha conquistato Alessandro Dettori che mette il carattere della Sardegna in bottiglia. La zona è di grande bellezza, Badde Nigolosu (Sassari): Cannonau e Vermentino che stupiscono.
Infine la Sicilia, o meglio l’Etna: con Giuseppe Benanti, uno dei primi a credere nella potenza dei vini del vulcano. È un punto di riferimento per tutti, tra Nerello Cappuccio e Nerello Mascalese. E con Andrea Franchetti dell’azienda Passopisciaro, a Castiglione di Sicilia, che ha scoperto i mille volti, da contrada a contrada, del Nerello Mascalese che arriva dalla terra con la lava.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli