02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

La rivincita del Brunello sul Barolo. Ecco i Migliori cinquanta vini d’Italia ... La classifica del Biwa. Le certezze e le sorprese: il debutto del Lambrusco di Sorbara... La rivincita del Brunello. Nell’ultima edizione del Biwa (la classifica che dal 2012 premia i 50 vini migliori d’Italia), le bottiglie di Montalcino tornano protagoniste. Il vino più votato è il Cerretalto 2010 di Casanova di Neri, la cantina che ha raccolto i massimi punteggi (100/100) dai grandi critici americani come Robert Parker.

Un anno, quello del Biwa, di certezze (con qualche sorpresa). Un elenco in cui “si respira il senso del tempo senza troppe scosse”, la stessa sensazione di cui scriveva Goffredo Parise quando tornava nella sua casa sul Piave dopo i viaggi intorno al mondo. Sul filo dei ricordi, ritrovando i sapori di sempre, i vini che si possono riconoscere al primo sorso, come il Sassicaia di Tenuta San Guido, il Vintage Tunina di Jermann, il Turriga di Argiolas. Vecchi amici che si riconoscono al primo sguardo, come il Breg di Gravner, dorato come un tramonto.

L’anno scorso il Barolo aveva conquistato tre posizioni sulle prime quattro con il Monprivato di Giuseppe Mascarello primo classificato, il Brunate di Rinaldi subito dopo e al quarto posto il Parafada di Palladino. Quest’anno Montalcino, forte della magica vendemmia 2010, ottiene anche il quinto posto con il Pianrosso di Ciacci Piccolomini d’Aragona. Stessa annata per il Tenuta Greppo del caposaldo della tradizione Biondi Santi, al ventesimo posto. Accanto a lui i giovani, il Lupi e Sirene delle Ripi (15° posto). Gigliola Giannetti delle Potazzine (25°) seguiti da Ragnaie, Mocali, Poggione, Canalicchio di Sopra e Siro Pacenti.

Nella secolare sfida a distanza tra Toscana e Piemonte, i Brunello sono 10, 8 i Barolo (Burlotto, Cogno, Giuseppe Mascarello, Sobrero, Rosso, Massolino, Sordo, Bussia Soprana).
Quest’anno l’evento include nel nome lo sponsor, The Wine Insider, neonata cantina su misura per ristoranti. La classifica sarà presentata lunedì prossimo, con i 50 vignaioli in sala, alla Fondazione Cariplo di Milano.

La giuria si è allargata. L’idea del sommelier Luca Gardini e del critico Andrea Grignaffini ha coinvolto, in tre intensi giorni di serrate degustazioni (“alla cieca”, cioè con le etichette oscurate) tre master of wine: l’inglese Tim Aktin, l’americana Christy Canterbury e il giapponese Kenichi Ohashi. Assieme a loro c’erano la spagnola Amaya Cervera, gli italiani Pier Bergonzi (vice direttore della Gazzetta dello Sport), i critici enoici Daniele Cernilli, Antonio Paolini e Marco Tonelli, oltre a Gardini e a chi scrive.

Tra le sorprese, il debutto (al 13° posto) di Sandy Skerk con la sua fresca e fruttata Malvasia del Carso, nel comune di Duino Aurisina. Quattro posti più sotto si affaccia per la prima volta il Riesling di Ca’ del Baio, firmato nelle Langhe dalla famiglia Grasso. Anche il Barolo di Giovanni Rosso non era mai arrivato nella classifica del Biwa: quest’anno è al posto numero 22. E poi il Lambrusco di Sorbara, quello della famiglia Zucchi: l’esordio per questo vitigno nel Biwa, prova dei grandi passi avanti sul terreno della qualità delle rosse bollicine modenesi (e non solo).
“Questa selezione - spiega l’ex campione del mondo tra i sommelier, Gardini - dimostra che esiste ormai un alto livello di qualità diffuso in tutto il Paese, da nord a sud”.

Una conferma anche questa, come lo è il Fiorduva di Marisa Cuomo, il bianco che ha conquistato la giuria con la sua forza amalfitana che odora di albicocca. Ha scalato il secondo posto, risultando primo tra i bianchi. Più a sud svetta il Nero d’Avola Saia di Feudo Maccari, al quarto posto, uno scalino più sotto del Sassicaia versione 2013, un vino che contiene “il respiro del tempo”.

LA CLASSIFICA
1 Casanova di Neri - Cerretalto 2010, Brunello di Montalcino Docg
2 Marisa Cuomo - Fiorduva Furore Bianco 2014, Costa d’Amalfi Doc
3 Tenuta San Guido - Sassicaia 2013, Bolgheri Doc
4 Feudo Maccari - Saia 2014, Nero d’Avola, Sicilia Doc
5 Ciacci Piccolomini d’Aragona - Pianrosso S. Caterina d’Oro Riserva 2010, Brunello di Montalcino Docg
6 G.B. Burlotto - Monvigliero 2012, Barolo Docg
7 Damijan Podversic - Bianco Kaplja 2012, Venezia Giulia Igt
8 Duemani - Duemani 2013, Costa Toscana Igp
9 Marco De Bartoli - Vecchio Samperi Solera
10 Terlano - Terlaner I Grande Cuvée 2013, Alto Adige Terlano Doc
11 Alberto Lusignani - Vin Santo di Vigoleno 2006, Colli Piacentini Doc
12 Elvio Cogno - Vigna Elena Riserva 2010, Barolo Docg
13 Skerk - Malvasia 2013, Venezia Giulia Igp
14 Fattoria Zerbina - Scaccomatto 2013, Albana di Romagna Passito, Docg
15 Podere Le Ripi - Lupi e Sirene 2011, Brunello di Montalcino Riserva, Docg
16 Argiolas - Turriga 2012, Isola dei Nuraghi Igt
17 Ca’ del Baio - Riesling 2014, Langhe Doc
18 Mascarello e Figlio - Monprivato 2011, Barolo Docg
19 Sobrero - Pernanno Riserva 2010, Barolo Docg
20 Biondi Santi, Tenuta Greppo - Tenuta Greppo 2010, Brunello di Montalcino Riserva, Docg
21 Castellare di Castellina - I Sodi di San Nicolò 2012, Toscana Igt
22 Giovanni Rosso - Ester Canale Rosso Poderi Vigna Rionda 2012, Barolo Docg
23 Zidarich - Vitovska Kamen, Pietra 2014, Venezia Giulia Igp
24 Gravner - Bianco Breg 2008, Venezia Giulia Igt
25 Le Potazzine - Brunello di Montalcino 2012, Docg
26 Uberti - Quinque Extra Brut 2007, Franciacorta Docg
27 Berlucchi - Guido & c. Palazzo Lana Extreme Extra Brut Riserva 2007, Franciacorta Docg
28 La Scolca -Gavi dei Gavi La Scolca D’Antan 2005, Docg
29 Jermann - Vintage Tunina
30 Ca’ del Bosco - Franciacorta Vintage Collection Dosage Zéro Noir 2006, Docg
31 Le Ragnaie - Brunello V.V. 2011, Brunello di Montalcino Docg
32 Massolino - Vigna Rionda Vigna Rionda Riserva 2010, Barolo Riserva Docg
33 Mocali di Ciacci Tiziano - Vigna delle Radunate Riserva 2010, Brunello di Montalcino Docg
34 Il Poggione - Vigna Paganelli Riserva 2010, Brunello di Montalcino Docg
35 Fratelli Bucci - Villa Bucci Riserva 2013, Castelli di Jesi Verdicchio Docg
36 Torre dei Beati - Bianchi Grilli 2014, Pecorino Abruzzo Doc
37 Franz Haas - Manna 2014, Vigneti delle Dolomiti Bianco Igt
38 Livio Felluga - Terre Alte 2013, Rosazzo Docg
39 Conte Emo Capodilista - Cuore di Donna Daria, bianco da tavola passito
40 Tramin - Terminum 2013, Alto Adige Gewurztraminer Vendemmia Tardiva Doc
41 Canalicchio di Sopra - Brunello di Montalcino 2011 Docg
42 Siro Pacenti - Pelagrilli 2011, Brunello di Montalcino Docg
43 Roagna - Pajè Vecchie Viti 2010, Barbaresco Docg
44 Giovanni Sordo - Perno 2012, Barolo Docg
45 Bussia Soprana - Vigna Colonnello Riserva 2009, Barolo Docg
46 Fontodi - Fleccianello della Pieve 2012 Colli Toscana Centrale Igt
47 Valentini - Montepulciano 2012, Doc
49 I Clivi - Clivi Brazan 2014, Collio Doc
49 Benito Ferrara - Vigna Cicogna 2015, Greco di Tufo Docg
50 Zucchi - Rito 2015, Lambrusco di Sorbara Dop

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli