02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Franciacorta, la rivoluzione delle bollicine ... I vigneti della Franciacorta sono tornati pieni di fiori ed erbe di campo. Merito dell’agricoltura biologica, impiegata ormai in più di due terzi della zona. Qui ogni primavera un esperto botanico, coinvolto dall’azienda vitivinicola Barone Pizzini, conduce gli appassionati alla scoperta della fioritura. Poi è l’enologo di casa, Leonardo Valenti, a completare il quadro, raccontando come si produce il primo vino 100% “organic” della Franciacorta. Nato dall’esperienza della Barone Pizzini, una delle più antiche cantine del territorio, che vent’anni fa ha aperto la strada ai Franciacorta Docg biologici. Era il 1998 e il direttore Silvano Brescianini ricorda: “Mi chiedevo: è possibile abbandonare pesticidi e diserbanti per fare un vino di qualità? Dicevano di no, ma noi abbiamo cominciato a provare”. Così sono nate le bollicine “a residuo zero”, come l’Animante, vino bandiera dell’azienda che produce 550 mila bottiglie, distribuite su circa 100 ettari e tre cantine, e ha un fatturato di poco più di 5 milioni. A quella storica di Provaglio d’Iseo si sono aggiunte due tenute, a Castello di Jesi e nel grossetano, nel 2002. a Verdicchio riserva di Pievalta, tra i più premiati d’Italia, oltre che biodinamico, è anche vegano - dice il direttore -. Come i rossi dei Poderi di Ghiaccioforte, in Maremma. Ci arriveremo anche in Franciacorta”. L’attenzione della Barone Pizzini, oltre che sull’integrità delle uve, è anche nei processi di lavorazione: la cantina è stata rinnovata secondo i criteri della bioedilizia. “È il momento di mettere a frutto gli investimenti e guardare di più all’estero”, considera Brescianini. Oggi l’export vale il 10% della produzione della Franciacorta e il 20% tra Marche e Toscana. Ma la scommessa è tutta da giocare. Spiega il manager: “Il fatto che un vino italiano, oltre che buono, sia anche biologico, è un extra valore sempre più apprezzato”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli