02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Della Sera

Il vino che tesse i teli. Materiale vegetale con i semini dell’uva … Immaginate se dall’uva, oltre al vino, si potessero ottenere scarpe, borse e cinture in pelle completamente “veggie”. Era proprio questo il sogno di Gianpiero Tessitore, architetto, e Francesco Merlino, chimico industriale, che nel 2014 hanno iniziato uno studio in collaborazione con centri di ricerca specializzati, allo scopo di analizzare le caratteristiche fisiche e meccaniche di diverse fibre vegetali e la loro capacità di essere trasformate in materiali ecologici. Lo studio ha identificato le fibre contenute nelle bucce e nei semi dell’uva ottiamali per la creazione di un materiale vegetale ecologico, che è stato battezzato “Vegea” dai due soci. L’insieme di semi e bucce dell’uva che si ricavano durante la produzione del vino (la cosiddetta “vinaccia”) viene dunque trasformata in una pelle completamente vegetale. La vinaccia viene essiccata, in modo tale che non biodegradi e rimanga sempre disponibile per la produzione di Vegea anche lontano dal periodo della vendemmia. Poi vengono eseguiti trattamenti fisici e meccanici e si compone una miscela che viene spalmata, fino a realizzare dei veri e propri teli. Il processo produttivo termina con trattamenti di finitura specifici e diversificati che conferiscono a Vegea gradazioni di peso, spessore, elasticità e colore differenti in base alle diverse applicazioni. Da ogni dieci di litri di vino prodotti si ricavano due chili e mezzo di vinaccia, con i quali si può produrre un metro quadro di Vegea. La start-up è nata a Milano nel 2016 e si è poi insediata nell’incubatore clean tech di Trentino Sviluppo. Lo scorso ottobre i due imprenditori hanno presentato la prima collezione di prototipi di moda affidata alla direzione creativa dell’ecodesigner Tiziano Guardini.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli