02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Fiorentino

Masseto, la cantina è una “miniera” scavata nella collina sopra Bolgheri … Masseto, il Merlot in purezza di Bolgheri, tra i più famosi e costosi al mondo, ha inaugurato una nuova dimora. La tanto attesa cantina con una storia ultradecennale alle spalle è pronta. Firmata dallo studio di architettura ZitoMori, completamente interrata, è incastonata nell’argilla blu su cui sorge il vigneto. Per un investimento di oltre 7 milioni da parte della proprietà, i Marchesi Frescobaldi. Sorge in località Casa Bezzini, nel cuore della campagna bolgherese. Il primo piano attuativo risale al 2006 e gli scavi sono partiti nella tarda primavera del 2016. Un omaggio alla storia e alla rapida evoluzione della Tenuta, dall’intuizione del potenziale nascosto di una particolare vigna all’affermazione di un vino di fama internazionale. “Questa cantina rende omaggio al passato, al presente e al futuro del Masseto, celebrando l’incredibile storia di un vino nato quasi per caso”, dice il Ceo di Masseto, Giovanni Geddes da Filicaja. interrato, che ricorda i templi sacri dell’antichità, l’impatto tecnologico è stato ridotto al minimo. “Qui nulla manca o supera il necessario — aggiunge Axel Heinz, direttore di Masseto — lo stile di vinificazione della Tenuta, connubio di austerità, modernità e tradizione, resterà rigorosamente inalterato”. In superficie, solo il basso profilo dell’area di ricezione delle uve e della vecchia casa di Masseto, oggi restaurata, emergono dalla collina. Gli architetti hanno soprannominato il loro concept di design sotterraneo “la cava”. “Per raccontare l’impegno necessario a produrre questo vino — spiegano — abbiamo deciso di creare una serie di spazi non costruendoli, ma scavandoli nel corpo monolitico della collina. La diversità dei volumi, delle altezze interne e la disposizione su più piani richiama la struttura di una miniera d’oro”, spiega l’architetta di origini giapponesi Hikaru Mori. La cornice architettonica della cantina è stata realizzata con calcestruzzo gettato in opera. All’interno, predominano linee nette in vetro e acciaio, bilanciate dalle lunghe file di botti di rovere. Il cuore della struttura è occupato dalla prestigiosa cantina dei vini della Tenuta, il Caveau Masseto. Qui, in condizioni perfette, sono conservate bottiglie di ogni annata dal 1986, ciascuna sorretta dalla propria “culla” in acciaio inox.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su