02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere Fiorentino

Il Chianti corre sui mercati interni. Frenata cinese … Il vino Chianti cresce, premiato dal mercato italiano e grazie alle buone performance dei nuovi clienti per lo più asiatici che compensano il calo degli storici interlocutori commerciali, tedeschi e americani. Il 2020 offre buone prospettive, al netto delle preoccupazioni per l’evolversi dell’epidemia di coronavirus in Cina. Nel 2019 le vendite di Chianti Docg sono cresciute del 6,3% sul mercato italiano e dell’1% a livello estero, equivalente ad un milione di bottiglie in più. “Per il 2020 guardiamo con attenzione alla Cina e all’evoluzione a medio termine dell’epidemia di coronavirus: nel terzo trimestre 2019 abbiamo venduto molto perché è il periodo in cui i buyers cinesi riempiono i magazzini in vista delle feste — commenta il presidente del Consorzio Vino Chianti, Giovanni Busi — Adesso, con l'annullamento dei festeggiamenti per il Capodanno cinese e la chiusura di gran parte dei ristoranti c'è il rischio che quelle scorte non vengano smaltite: con febbraio si perde un mese importante in termini commerciali. Secondo le nostre stime, se l’allarme rientrerà a breve, potremmo avere una perdita stimata tra il 5 e il lo% che però potremo ammortizzare senza grossi problemi, perché quello cinese è un mercato che cresce molto anno su anno”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su