02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FINE DI UN’EPOCA

Dopo 52 anni, finisce la partnership commerciale tra Banfi Vintners e Cantine Riunite-Giv

Nel futuro dell’azienda guidata da Cristina Mariani-May, i vini premium e luxury, con le etichette della Castello Banfi in prima fila
BANFI VINTNERS, CANTINE RIUNITE, GIV, Italia
Cristina Mariani-May, alla guida di Banfi Vintners e Castello Banfi

Parlare di svolta storica è forse esagerato, ma di fine di un’epoca decisamente appropriato: dopo 52 anni, finisce una delle partnership più longeve del commercio enoico italiano e non solo, quella tra Banfi (oggi Banfi Vintners) e Cantine Riunite-Giv, iniziata nel 1967 e capace di tracciare una delle rotte più fortunate di sempre, attraversata nel suo apogeo da 12 milioni di casse di Lambrusco, ma non solo, ogni anno. Come si legge nella nota diramata dalla Ceo di Banfi Vintners, Cristina Mariani-May, la separazione, avvenuta di comune accordo, sarà definitiva dal 10 giugno, con i vini della cooperativa emiliana che saranno commercializzati dalla Frederick Wildman & Sons. Per Banfi, invece, si apre una nuova pagina, che risponde ad uno dei principali mutamenti del mercato Usa, dove i consumi vanno sempre più verso bottiglie di medio ed alto livello. “Guardando avanti - spiega Cristina Mariani-May - concentreremo le nostre energie sullo sviluppo ed il miglioramento delle nostre offerte premium e luxury, guidate dal Brunello di Montalcino e dai Super Tuscans di Castello Banfi, il fiore all’occhiello del nostro portafoglio. Siamo entusiasti di portare il nostro portafoglio di marchi ad un livello successivo”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli