02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Finanza&mercati

Energia rinnovabile, una sfida toscana ... La sfida parte dal Chianti: la tutela e la valorizzazione di un territorio passano anche attraverso il corretto uso delle risorse e delle energie. Alla Banca del Chianti Fiorentino di San Casciano Val di Pesa (FI) si deve una vera e propria novità per la zona: un finanziamento di interventi in materia di energie rinnovabili. «Dopo l’accordo con Legambiente - ha detto il direttore generale di Bcf, Andrea Bianchi - per erogare finanziamenti volti a favorire il risparmio energetico e alla realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, è il momento di fare un ulteriore passo in avanti e proporre un vero e proprio pacchetto di prodotti bancari per l’energia».
Il pacchetto si chiamerà «Chianti, fonte di energia». «Vogliamo - continua Bianchi - realizzare un pacchetto che caratterizzi ancor di più la banca, che ha come mission contribuire a una prospettiva di sviluppo per l’economia dell’area su cui opera e di crescita sociale e culturale delle persone che ci vivono. Ritagliare le caratteristiche di un prodotto per l’energia significa preoccuparsi dei riflessi che una politica energetica improvvisata o lasciata esclusivamente a logiche economiche può recare». Dunque la Bcf va oltre l’accordo che aveva firmato Legambiente per sostenere la realizzazione di sistemi e tecnologie attinenti alle energie rinnovabili. Qui si prevedono interventi finanziari concessi dalla Bcf per progetti realizzati da privati cittadini, imprese, enti pubblici, associazioni. Le operazioni bancarie sono proposte a condizioni di particolare favore e si possono presentare studi di fattibilità per iniziative volte al risparmio energetico e progetti di realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Iniziative, queste, per cui sono previsti investimenti massimi ammissibili pari a 150mila euro per richiedente. Possono essere finanziati anche interventi nel settore didattico professionale, fino ad un massimo di 10mila euro.
La valorizzazione di territorio, ambiente, paesaggio e la sensibilità verso certi temi sono argomenti importanti per la Bcf che ha una vera e propria politica di sostegno all’agricoltura con i pacchetti di finanziamenti agevolati finalizzati alla ristrutturazione di immobili rurali, spesso da adibire ad attività di agriturismo, all’acquisto e all’ammodernamento di attrezzature per la cantina e al reimpianto di vigneti.
(arretrato di Finanza&Mercati del 19 dicembre 2006)  

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli