02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I Viaggi Di Repubblica

Calici in alto - Semplicemente Prosecco ... Semplicemente prosecco. Sì, è inutile chiedere a questo vino di essere qualcosa d’altro se non un piacevole, intrigante, brioso inizio di degustazione. In realtà a Conegliano e Valdobbiadene – paradisi enologici che costituiscono un sistema territoriale dedicato totalmente alla vite: qui è nata la prima strada del vino, qui ha sede uno dei più prestigiosi istituti enologici – si è cercato di dare al Prosecco anche declinazioni diverse. Portarlo ad essere uno spumante di classe superiore, abbassando il residuo zuccherino, provando una spumantizzazione più prolungata, qualcuno ha addirittura esplorato il “metodo classico” (la rifermentazione in bottiglia, quella usata per gli Champagne e i Franciacorta per intenderci) non serve. Il Prosecco (se ne fa anche versione tranquilla ed è buono) ha nel suo Dna di essere soprattutto compagno di momenti piacevoli: come l’aperitivo, come uno spuntino anche a base di pesce. Si tratta di un vino estivo per eccellenza anche se scellerate politiche commerciali e iperproduttive lo hanno portato talvolta a essere bevuto come un “frizzantino”. In realtà il Prosecco ha molto da dare: non in fatto di consistenza o di lunghezza di gusto, ma in fatto di bouquet dove si riconoscono frutti maturi e fiori. Ben freddo è davvero un gradevole aperitivo, leggermente più caldo può accompagnare paste fredde, risotti e carpacci. Ottimo con la frutta. Purchè resti semplicemente Prosecco! Ha già un suo livello superiore nel terroir di Cartizze. E tanto basta. Le aziende: Bisol (Cartizze e Vigneto Del Fol), Col Vetoraz, Carpenè Malvolti ...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli