02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I Viaggi Di Repubblica

Cenerentole del vino rosso: donne che inventano, assaggiano e producono un particolare Brunello. Donne che aprono cantine e creano un turismo enogastronomico in un angolo della Toscana. Tutto rigorosamente al femminile ... Donatella Cinelli Colombini ha creato una vera e propria tendenza che oggi coinvolge 900 fra le più prestigiose cantine d’Italia, 3 milioni e mezzo di visitatori (1 milione nel solo giorno di Cantine Aperte), un giro d’affari di quasi 3 miliardi di euro, e una quantità impressionante di iniziative, come Calici di stelle che si svolge il 10 agosto, o la stessa Cantine Aperte, che si tiene a maggio, oltre alla partecipazione a Vinitaly, al Salone del vino, e a vari corsi di formazione o perfezionamento ... ”Il mio vino principale è il Brunello e come tutti i rossi importanti è pensato per consumatori maschi. Decisi che era giunto il momento di fare un Brunello per consumatrici femmine. Riunii un panel di 4 assaggiatrici (Maureen Ashley, Astrid Schwarz, Daniela Scrobogna e Marina Thompson) e chiesi loro di scegliere il vino che preferivano tra varie botti di Brunello. Lo battezzai “Prime Donne”. E’ diventato il vessillo dell’azienda ... Il passo successivo” continua Donatella “è stato quello di costruire due cantine – una a Montalcino e l’altra alla Fatoria del Colle – con tini, pompe e botti della migliore qualità. Qui avrebbero lavorato solo donne. Avremmo dimostrato che la grande enologia non dipende dai muscoli ma dal cervello e che le donne ne hanno più che a sufficienza per creare grandi vini” ...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli