02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I Viaggi Di Repubblica

Langhe ... 50 aziende vinicoli piemontesi aprono le loro cantine
con un ricco programma di degustazioni e visite guidate... L’uva lenta di Langa, quella che matura
piano piano, per poi trasformarsi ancor più
indolente in una pregiata bottiglia di Barolo,
segue “ l’andar per langa ”, che in langarolo
indica il cammino sulle creste delle colline e
che corrisponde, nella zona del Barolo, a un
percorso ideale che unisce sedici centri maestri
nella cura dei filari preziosi. Da quest’anno
con l’inaugurazione della Strada del Barolo
e grandi vini di Langa, questo territorio ricco
di fascino rende più facile la sua conoscenza
grazie a una mappa di approfondimento
che si snoda tra cantine, aziende agricole, strutture
ricettive, musei e castelli. E’ il Barolo 2004
a inaugurare l’evento, un’eccellente annata
che, per i produttori, saprà eguagliare quella
straordinaria del 2000. Grazie alla Strada sarà
possibile godere di una visuale irresistibile
sul territorio e cogliere un modo più profondo
per avvicinarsi al vino, alle tradizioni e alla
cultura che lo circondano: le cinquanta
aziende associate danno il benvenuto nelle storiche
cantine per degustazioni e approfondimenti
e per visite guidate tra i filari dei sorì, i
vigneti pendenti, con promesse mantenute di
scorci ineguagliabili e di panorami geometrici
irresistibili. Resta immutata l’atmosfera tranquilla
delle dolci colline e la tradizionale accoglienza:
è così facile ambientarsi nei centri più
nascosti, come Novello, Montelupo Albese, Sinio,
o scoprire gli angoli ancora segreti dei più
famosi La Morra, Verduno, Grinzane Cavour,
Barolo. Tutti da scoprire: Castiglione Falletto,
Dogliani, Monchiero, Monforte d’Alba, Roddi,
Roddino, Rodello, Serralunga d’Alba, e Diano
d’Alba.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli