02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

I Viaggi Di Repubblica

Gli aromi di Ischia ... Tra le vigne terrazzate della Cantina Pietratorcia... “Per festeggiare i dieci anni della cantina, nel 2006, abbiamo prodotto un biancolella in purezza, ma era solo per l’anniversario. Crediamo invece e produciamo solo uvaggi, blend di piedirosso, guarnaccia e aglianico o per i bianchi, biancolella con forastera, in altri l’uvaggio è con aggiunta di fiano”: Vito Verde è il presidente della Cantina Pietratorcia di Ischia, delle famiglie Reggine, Jacono e Verde. Merita da sola una gita a Ischia, per inerpicasi fino a Forio, il cuore culturare dell’isola. Tra le vigne terrazzate, strappate al monte Epomeo, si domina il mare, tra i cactus, i fichi, la rucola. Colori e profumi che si ritrovano nel bicchiere, degustando i vini ai tavoli in pietra, sotto la pergola di viti. Pietra Torcia dà il nome alla cantina: in tufo verde era utilazzata nella spremitura delle uve, quando il vino si faceva ancora con i piedi. La cantina di famiglia è stata ristrutturata e la produzione è partita con l’ausilio dell’Istituto San Michele all’Adige, il top dell’enologia italiana. Innovazione al servizio della tradizione. Dietro le viti c’è ancora la Fossa dei conigli, dove i conigli crescono in libertà. Sono il piatto tipico della cucina di Ischia: specialità della signora Rossana, moglie di Vito, la cantina, infatti, su richiesta è anche ristorante sia di terra che di mare. Si inizia con pane e pomodoro, e non si andrebbe più via.

Cantina Pietratorcia
Via Provinciale Panza, 267, Forio-Ischia, Napoli
Tel. 081-908206
www.pietratorcia.it

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli