02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TRUFFE IN TAVOLA

Il biologico cresce, e anche le frodi: maxi sequestro di 15 tonnellate di prodotti in tutta Italia

Il business nel Belpaese vale 2,5 miliardi di euro. Cresce anche il vino: in gdo tra gennaio e febbraio vendite per 21 milioni di euro (88% sul 2017)
BIOLOGICO, Coldiretti, CORRIERE VINICOLO, FRODI, UNIONE ITALIANA VINI, Italia
In Italia è boom per il biologico, che vale 2,5 miliardi di euro

Il mercato del biologico cresce a ritmi frenetici. In Italia il suo valore supera i 2,5 miliardi di euro in valore, e coinvolge 72.000 operatori. Sei italiani su 10, sottolinea la Coldiretti, comprano biologico, con una crescita del 15% nel 2018 sul 2017. E la una crescita della domanda spinge alla conversione degli ettari coltivati a bio, 1,7 milioni nel Belpaese, con la crescita maggiore registrata nei terreni destinati ad ortaggi, cereali, vigneti ed oliveto, con la Sicilia primatista assoluta con 363.693 ettari. Un fenomeno che riguarda anche il vino, come raccontano i dati dell’Osservatorio Bio 2018 di Nomisma, su dati Nielsen, analizzati dal “Corriere Vinicolo” di Unione Italiani Vini. Solo tra gennaio e febbraio 2018, le vendite di vino biologico, in gdo, hanno toccato 21,6 milioni di euro, l’88% in più sullo stesso periodo 2017, e le referenze sono passate da 212 a 336 (+118%).
Numeri che raccontano di un biologico che non è più solo una moda, ma una tendenza che si consolida sempre di più. Ma di pari passo, anche grazie a regolamenti ancora poco efficaci, e ad un business che sta esplodendo, aumentano anche le frodi, come racconta il maxi sequestro di 15 tonnellate di prodotti falsamente biologici tra uova, frutta, passate di pomodoro, salumi e formaggio, in tutta Italia, messo a segno dai Carabinieri del Reparto Speciale per la tutela dell’agroalimentare, con controlli in 45 aziende, soprattutto nelle Province di Ravenna, Reggio Emilia, Catania, Messina e L’Aquila.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli