02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Messaggero

Sondaggi del vino & Soave Tufaie aromi di pesca e susina ... Antinori al primo posto, come cantina preferita dagli italiani. Per convenienza, però, risulta vincente la trentina La Vis; mentre il vino dei sogni, per i nostri connazionali, rimane sempre e comunque il Sassicaia. Questi i risultati del sondaggio promosso dal sito Winenews (www.winenews.it), che ha visto partecipare un'utenza variegata, al 54% concentrata fra i 30 e i 45 anni. Il mondo del vino, quindi, è mutato di molto negli ultimi anni, ma i capisaldi restano tali. Senza cedimenti.
A tal proposito, i prodotti di alcuni maestri della nostra enologia, uniti anche a novità emergenti di tutto rispetto, si potranno assaggiare a Roma in due occasioni distinte, entrambe significative. Domani e domenica, facendo la spola fra diverse enoteche romane, St. Regis Grand Hotel e Café Veneto, ove gratuitamente ove a pagamento, si potrà partecipare ai tanti eventi legati a "Sicilia Felix": manifestazione organizzata dalla condotta romana di Slow Food, che si snoderà attraverso incontri con i produttori, salotti letterari e degustazioni guidate (per informazioni, www.slowfoodroma.it). In aggiunta a questo ancora domenica, presso la Città del Gusto, dalle 15 alle 19 sarà possibile assaggiare il meglio di due delle guide edite dal Gambero Rosso: Spumanti d'Italia e l'Almanacco del Berebene, che premia da sempre le bottiglie dal miglior rapporto qualità-prezzo (via Enrico Fermi, 161; costo d'ingresso 20 euro). Sarà l'occasione, magari, per brindare all'incarico di Presidente dell'Associazione Nazionale Città del Vino conferito a Floriano Zambon, sindaco di Conegliano Veneto. Chi non potesse comunque farlo nel weekend, potrà sempre stappare un grande bianco veneto prodotto proprio da una delle aziende storicamente più rappresentative del nostro Paese, capace di navigare costantemente tra qualità e grandi numeri. Il Soave Classico Tufaie 2002 della cantina Bolla (8,50-9euro), di un bel paglierino ricco e luminoso, ricorda al naso aromi intensi di fiori bianchi e gialli, fieno, agrumi, mela, pesca, susina e frutta esotica, innervati da un gradevole scheletro minerale. In bocca è fresco ma di buona struttura, equilibrato, morbido, di buona persistenza. Perfetto su piatti di pesce, risotti alle erbe, carni bianche e formaggi freschi.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli