02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Messaggero

Grinzane - Una "vendemmia" di nuovi racconti. Autori nel Monferrato tra vigneti, cantine e letteratura ... E’ davvero inarrestabile questo premio Grinzane Cavour. Grazie al sempreverde Giuliano Soria, l’attività del premio, oltre a espandersi in tutto il mondo con scambi di visite e incontri tra scrittori che vanno dal Giappone a Cuba, dall’Argentina alla Russia, non si dimentica certo dei suoi luoghi di origine, e sempre più frequentemente celebra il suo Piemonte. Quest’anno è stata la volta del Monserrato alessandrino (luogo di straordinaria bellezza artistica e naturale) con la simpatica iniziativa di “Scrittori in vendemmia”, che ha visto così autori del calibro di Laura Pariani, Luis Sepulveda, Giuseppe Culicchia e molti altri, partecipare a giornate di autentica vendemmia nei vigneti delle varie aziende che hanno dato la loro disponibilità ad accogliere gli autori. Alcune di queste aziende sono addirittura dei veri e propri castelli, come La Tenuta Castello di Togliolo, dove, dal ’400 ad oggi, la famiglia dei marchesi Pinelli Gentile vive e produce dell’ottimo vino da varie generazioni.
A questi scrittori è stato dunque permesso non solo di visitare le aziende e i vigneti partecipando in prima persona alla vendemmia, ma anche di vedere da vicino suggestive cantine-museo con bottiglie che risalgono addirittura al 1800, e di fare una piacevolissima gita in elicottero per osservare dall’alto questo suggestivo paesaggio piemontese in pieno autunno che, forse per la clemenza del clima, mai come quest’anno è stato così ricco di tutte le sfumature del verde, del giallo e del rosso.
Lo scopo di tutto questo? L’esperienza vissuta in prima persona che gli scrittori testimonieranno (come è già avvenuto nel 2001) in un racconto inedito dove, ognuno a suo modo, ripercorreranno le sensazioni e le emozioni vissute in quelle giornate nelle quali il tripudio della vista non è stato l’unico dei cinque sensi ad essere stimolato, ma anche quello tanto irresistibile del gusto, con i piaceri della buona cucina regionale accompagnata naturalmente da vini eccellenti come il Dolcetto, il Barbera e il Cortese. Perché il buon cibo e il buon vino sono qui un punto di riferimento per l’economia locale, ma nello stesso tempo, come in tutto il resto dell’Italia (che il Grinzane non trascura) espressione di cultura, di tradizione e di storia. Le testimonianze degli scrittori saranno raccolte in un volume che verrà pubblicato dal Grinzane stesso presso le edizioni Newton & Compton, più o meno intorno al periodo del prossimo autunno. In questo modo la vendemmia diventa l’ottima vetrina di un patrimonio paesaggistico di forte impatto ma, nello stesso tempo, la cultura promuove se stessa e diventa veicolo di informazione, facendo così di un progetto letterario un’azione promozionale del territorio agricolo. Aspettiamo con curiosità i racconti di questi scrittori sull’eccellenza enologica e culinaria del Piemonte, li aspettiamo soprattutto perché, nei tristi tempi del fast-food, questo nuovo ritorno (tutto italiano) allo slow-food, potrebbe essere davvero una grande riscoperta da promuovere e divulgare (principalmente tra i giovani), da noi e all’estero.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli