02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Messaggero

Torre Maggiore Fattoria Le Poggette: rosso per carni bianche alla cacciatora ... “In vino veritas”: non è quindi solo per l’approssimarsi delle feste natalizie, che il mondo dell’enologia intende rivelare a tutti il messaggio umanistico che gli è dietro, rifacendosi anche a vicende faticose, lontane o antecedenti al successo odierno. Con tenerezza, però: come dimostra ad esempio l’iniziativa di uno dei portali più significativi di Bacco, che ha lanciato il “Progetto Winenews per la solidarietà”, destinato a bambini poco fortunati (tutti i ragguagli, appunto, su www.winenews.it). Degna di lode anche la dedica colta che la cantina Leone De Castris ha voluto rendere ai clienti del suo Five Roses, il primo rosato ufficialmente prodotto in Italia, nel 1943. Per conto dell’azienda, infatti, Antonio Massara ha scritto un “piccolo grande libro”, che racconta l’Italia dell’armistizio e le difficoltà del vino dinanzi a ben altre cose a cui pensare. Belle storie davvero, da accompagnare con un rosso di quelli fatti col cuore, e che lasciano la bocca buona. Come l’umbro Torre Maggiore della Fattoria Le Poggette (15 euro): dai sentori di viola, spezie, prugna e amarena, e dal palato solido ma articolato, immediato ma profondo. Perfetto su polli o conigli alla cacciatora.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli