02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

La famiglia dell’aristocrazia del vino -
Si chiama Pfv e riunisce il gotha dei produttori
Che cosa hanno in comune il Montrachet marquis de Laguiche di Joseph Drouhin in Borgogna, vino bianco tra i migliori del mondo, con il mitico Tignanello dei marchesi Antinori, nobile famiglia di vignaioli fiorentini? E cosa lega il Vega-Sicilia della famiglia Alvarez, vino rosso tra i preferiti alla corte del re di Spagna, con l’indimenticabile Chateaux Mouton Rothschild della baronessa Philippine de Rothschild? E lo Scharzhofberger Eiswein del tedesco Egon Müller Schaezhof, frutto di vendemmie tardive della Mosella e ideale compagno di meditazioni, che ci sta a fare assieme al Cabernet Sauvignon del californiano Robert Mondavi o all’aromatico Gewürztraminer selection de grain nobles del francese Hugel & Fils o ancora al Graham vintage del portoghese The Symington family, sinonimo di porto nel mondo? Il collante che unisce questa rosa di vini è il fatto che, rossi o bianchi, sono tutti figli di grandi famiglie produttrici di vino, ciascuna alla guida della sua azienda e ciascuna espressione tra le più significative del proprio Paese. Undici griffe del vino, contando anche lo spagnolo Torres e i francesi Champagne Pol Rogere e Paul Jaboulet Aine, unite in un’associazione esclusiva battezzata Primum familiae vini (Pfv), con l’intento nobile di difendere valori e tradizione del vino e (più prosaico) di promuovere le loro etichette. Tra le iniziative dell’aristocratica compagnia c’è il passaporto speciale che viene rilasciato agli appassionati in occasione di una visita alle aziende. Completato il giro di undici visite, il proprietario del passaporto riceverà in regalo una cassetta in mogano da collezione con un vino simbolo di ciascuno dei membri della Pfv. Solo sei, fino ad oggi, hanno fatto l’en plein.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli