02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

Cibovino - Solo vini da vitigni italiani. La nuova guida che premia le uve tricolori ... L’uomo, il clima, il vitigno e il territorio: sono i quattro elementi, che possono fare un vino grande e unico. Mario Busso, Carlo Macchi e Carlo Vischi ne sono così convinti che hanno deciso di dedicare una nuova guida a quei vini ottenuti esclusivamente da vitigni autoctoni italiani. Vitigni cioè strettamente legati al loro territorio fino a diventarne un tutt’uno, come il Verdicchio per le Marche, o il Primitivo per la Puglia o il Nebbiolo per il Piemonte, tanto per citare alcuni dei vitigni più rappresentativi del patrimonio enologico nazionale. Vini buoni d’Italia è il titolo di questa nuova guida, che si prende il lusso di trascurare molte etichette superpremiate, perché colpevoli di ospitare una percentuale anche minima di vitigni internazionali, come il Cabernet o lo Chardonnay. E’ una scelta giusta? Di certo è un’idea originale che apre una nuova frontiera sulla vasta produzione italiana, scoprendo vini a volte sconosciuti, ma in qualche caso anche più piacevoli di tante etichette di razza. Sono circa 4 mila i vini recensiti (dopo una degustazione di oltre 15 mila). Tra questi solo 67 hanno meritato la massima valutazione, rappresentata dal simbolo della corona. Tra i coronati: Furore rosso 2002 di Marisa Cuomo (Campania), Tenuta Maiolo 2002 di Provenza (Lombardia), Chianti classico Poggio ai Mori 2001 di San Donatino (Toscana). Vini Buoni d’Italia 2004, Gribaudo, 20 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli