02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

Castello Romitorio - Etichette divine, da bere e collezionare
Le bottiglie firmate da Sandro Chia, uno dei più quotati artisti italiani ... Il rischio, quando ci sono di mezzo i vini del Castello Romitorio di Montalcino (www.castelloromitorio.com), è di rinunciare a stappare la bottiglia per amore dell’etichetta.
Si dà il caso, infatti, che l’antico maniero appartenga a Sandro Chia: bravo produttore di Brunello di Montalcino, ma anche uno degli artisti italiani più quotati sul mercato internazionale che, assieme alla compagna Marella Agnelli (nipote della moglie di Gianni Agnelli), divide la sua vita tra New York e la Toscana. Ebbene, da quando ha cominciato a fare vino, una ventina di anni fa, Chia ha preso anche l’abitudine di disegnare personalmente le sue etichette, per giunta diverse ogni anno. Un’attrazione fatale per chi, oltre al vino, ama l’arte. Collezionisti a parte, però, il Brunello Castello Romitorio (che figura anche tra i migliori vini 2005 della guida delle guida del Mondo), merita fino in fondo l’apprezzamento degli addetti ai lavori. E, quel che conta, piace anche ai meno esperti per le sue caratteristiche di morbidezza che nulla tolgono al carattere e all’eleganza.
Come tutti i vini della sua razza, è perfetto con i piatti saporiti, in particolare, di carni e cacciagione (prezzo: dai 35 euro in su).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli