02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Mondo

In alto i calici. Nel nome di Artusi ... Appuntamento a Forlimpopoli... Nove giorni di degustazioni, laboratori di cucina, mercatini, spettacoli, feste e dibattiti sul cibo e sul rapporto tra agricoltura ed economia: è in arrivo la XII edizione della Festa artusiana di Forlimpopoli (Forlì Cesena), grande kermesse in onore di Pellegrino Artusi, il letterato gastronomo, padre della cucina italiana, in onda nella cittadina romagnola da sabato 21 a domenica 29 giugno. Dalla via dei gelati e liquori alla via degli ortaggi, dalla piazza del biologico al giardino dei suoni e sapori: appassionati e non solo si muoveranno in un ambiente trasformato per l’occasione in un magico regno della gastronomia. Accanto alle proposte golose, ludiche e folcloristiche, anche momenti di riflessione nella cornice della Casa Artusi, primo centro dedicato alla cultura gastronomica domestica, inaugurato giusto un anno fa. Vari forum in programma: quello sui ricettati di casa, sulla memoria domestica (“di madre in figlia”), sull’economia alimentare sostenibile, sulle
esperienze nazionali e internazionali dei
farmer markets che hanno accorciato la
distanza tra produttore e consumatore,
abbattendo i costi dei prodotti.
Non a caso il premio Artusi 2008 per la
solidarietà sociale sarà assegnato a
Wendell Berry, il poeta e letterato
californiano, autore del noto Manifesto del contadino impazzito,
che abbandonata la carriera universitaria e il computer si è messo
a curare la sua piccola fattoria nel
Kentucky, la Lane’s landing farm,
secondo metodi rigorosamente
biologici, dividendo il suo tempo
tra la terra e l’insegnamento della
scrittura creativa.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli