02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il Verdicchio di Jesi è un po’ svedese … Il 18% a Winemarket... Il gruppo entra con una quota di minoranza nella cooperativa Moncaro... È un ingresso azionario che fa rumore, anche se con una quota di minoranza del 18%, quello degli svedesi di Winemarket Nordic AB nel capitale di Moncaro, il gruppo cooperativo leader nelle Marche nel settore vitivinicolo, con 800 soci cooperatori, un giro d’affari di 23 milioni di euro e una quota export del 53% con oltre 40 Paesi di destinazione. “Si tratta di una “prima volta” per entrambi. Winemarket,uno dei più grossi distributori vinicoli della Scandinavia (300 milioni di fatturato solo con gli alcolici, ndr) non ha mai avuto prima d’ora partecipazioni in aziende vitivinicole cooperative. E per noi è il primo socio finanziatore non istituzionale”, precisa Doriano Marchetti, presidente di Terre Cortesi Moncaro di Montecarotto (Ancona), tre cantine, 60 dipendenti e 1.300 ettari di vigneti autoctoni tra Doc e Igt come Verdicchio, Rosso Conero, Piceno. Di cui 235 ettari convertiti a biologico per rispondere alle istanze dei consumatori globali. “L’entrata della società svedese, nostro partner commerciale da due anni con ottimi risultati sul mercato scandivano, ci permette da un lato di riequilibrare la situazione finanziaria, appesantita da un decennio di forti investimenti e dal crac di primari istituti bancari del territorio, dall’altro lato di accelerare il processo di internazionalizzazione”, precisa il presidente. Che ha firmato un piano industriale 2018-2002 in cui è fissato il traguardo dei 30 milioni di fatturato con un export superiore al 60 per cento. Le logiche cooperative sono garantire dal fatto che il milione e mezzo di euro di capitale iniettato da Winemarket Nordic AB, sommato ai 2 milioni in mano ai due investitori istituzionali presenti in Moncaro (Coopfond e Fiduciaria Marche) resta comunque al di sotto del limite del 33% del capitale e dei voti concessi ai soci esterni in una coop. In rappresentanza del nuovo socio (che avrà il 14% dei voti), siederà nel Cda di Montecarotto Staffan Dahlgren, ceo e fondatore di Winemarket Nordic, esperto di vendite internazionali e attuale direttore commerciale dell’azienda svedese. Winemarket Nordic, fondata nel 2012 a Stoccolma, è parte integrante del Gruppo VivaWine & Spirits, principale player distributivo privato scandinavo, che opera nel sistema “Systembolaget” (azienda governativa per il monopolio della vendita di alcolici superiori a 3,5 gradi alcolici) oltre che nel canale Horeca e conun ruolo di primo piano nella distribuzione di vino in Uk, Usa, Cina e Germania. “Nord America e Cina sono i due mercati su cui puntiamo a crescere di più nei prossimi anni e dove Winemarket ci apre grandi opportunità grazie al know-how e alla presenza commerciale capillare”, spiega Marchetti. L’Europa vale ancora il 90% delle vendite estere di Moncaro, già presente in Cina con 13 monomarca-diretti, ma con un grande potenziale da esprimere, come conferma il riconoscimento “Italian wine brandwith the most potential in China” del network di importatori WineIta. Intanto l’azienda di Montecarotto brinda a un’ottima annata 2017-18, con un trend dell’11% e un +20% di export. “Abbiamo prodotto 105mila ettolitri, 10 milioni di bottiglie, e la vendemmia appena iniziata, con la raccolta delle prime uve precoci di Pecorina, ci fa essere ottimisti per la prossima stagione”, conclude il numero uno di Terre Cortesi di Nioncaro, primo marchio italiano, con il 25% del mercato, della Doc Verdicchio dei Castelli di lesi, portabandiera dell’enologia nazionale.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli