02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il vino di Leonardo per la cura dei bambini ... “Et però credo che molta felicità sia agli homini che nascono dove si trovano i vini buoni”, scriveva Leonardo da Vinci, amante del buon bere, una passione ben nota anche a Ludovico il Moro, signore di Milano, che lo ricompensò con i6 pertiche dl vigneto, con viti di Malvasia di Candia Aromatica, per l’Ultima Cena dipinta al Cenacolo di Santa Maria delle Grazie. Custodita per secoli nel terreno della Casa degli Atellani, nel centro storico della città, la Vigna dl Leonardo ha iniziato a rinascere nel 2015, anno dell’Expo. Tre anni dopo sono state presentate le prime bottiglie della Malvasia di Milano, prodotta secondo il metodo medievale grazie alla cura e all’impegno di Giovanella Fugazza, proprietaria della tenuta vinicola Castello di Luzzano, incaricata dall’Università degli Studi di Milano e dalla Fondazione Piero Portaluppi (che ha sostenuto la rinascita della Vigna) alla vinificazione dell’uva della Vigna di Leonardo. Tre bottiglie delle 3oo della prima vendemmia 2018, preziose anche per il decanter ispirato a un disegno di Leonardo, sono state battute di recente in un’asta benefica organizzata alla Casa degli Atellani per raccogliere fondi per II Centro Matilde Tettamanti, impegnato nella ricerca sulle leucemie ed emopatie infantili: un totale di 28mila curo che finanzieranno un progetto sul passaporto genetico che mira a individuare il profilo genetico di ogni bambino malato di leucemia e linfomi, per studiare terapie personalizzate e dunque più mirate ed efficaci.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli