02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Enoteca Pinchiorri cucina a Pechino ... Grande cucina italiana a due passi da Tien An Men. I piatti dell’Enoteca Pinchiorri, e soprattutto i vini della celebre cantina fiorentina, delizieranno presto i palati dei gourmet cinesi. Un drappello di appassionati in rapida espansione, assicurano gli analisti dei luxury brand, con crescite a due cifre dei consumi enologici. Grazie a un accordo siglato in questi giorni con il giovane tycoon cino-americano Handel Lee, Annie Feolde e Giorgio Pinchiorri, titolari del raffinato locale toscano, contano di sbarcare a Pechino tra meno di un anno. La ragione di tempi così lunghi sta nella complessità del progetto di Lee, discendente per parte di madre dalla famiglia imperiale e già attivo nel campo della ristorazione e nel settore immobiliare a Pechino e Shanghai. Lee è chairman del “Three on the Bund”, il palazzo delle griffe internazionali affacciato sul fiume che bagna Shanghai, noto per la cupola di vetro in cui è ricavato il ristorante più piccolo al mondo (solo due coperti). ... Nella cantina di Firenze, meta di pellegrinaggio per gli eno-appassionati, il più grande esperto italiano di vini allinea 150mila bottiglie: più di 4 mila etichette e un’impressionante collezione di magnum Romanée Conti, il “domaine” francese più esclusivo, re del pinot nero di Borgogna. In carta un “Matusalem” (bottiglia da sei litri) a 300 mila euro ...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli