02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Uve autoctone per Feudi di San Gregorio ... Nasce lo spumante irpino... Profumo di Champagne in Irpinia. Con le basi che non hanno nulla in comune con i pur pregiati grappoli di Chardonnay e Pinot nero di Reims ma, come direbbero i francesi, sono espressione del terroir. Un territorio particolare qual è appunto quello Irpino, che di per sé esprime i tratti nerboruti del Vesuvio ed è l’esaltazione di vitigni antichi come il Taurasi, il Fiano, il Greco di tufo.
Già, sono proprio queste uve che l’abile mano di uno champagnista del calibro di Anselme Selosse e la volontà di un’azienda che ama le sfide, qual è la Feudi di San Gregorio di Sorbo Serpico, in provincia di Avellino, a rendere credibile ciò che finora sembrava impossibile a farsi: produrre fini bollicine dalla forte personalità. Come appunto si presenta l’ultimo nato, il Dubl Greco, firmato dall’enologo francese e dall’italiano Riccardo Cotarella per conto dell’azienda campana. L’idea, ancorché rompere con i tradizionali canoni della spumantistica, costituisce l’ultima frontiera di una cultura enologica che la Feudi persegue sin dalla sua nascita, una quindicina di anni fa. E che in una manciata di mesi ha portato sul mercato un tris di spumanti ottenuti da uve Falanghina, Aglianico e, appunto, Greco.
Non è un caso che sia il presidente di Feudi, Edoardo Narduzzi, sia l’ad Marco Gallone, nel ricordare i passaggi che hanno segnato l’intero progetto Dubl sottolineano l’impegno che l’azienda persegue nella rivalutazione dei vitigni autoctoni. Un impegno impregnato di ricerca sul campo e interventi mirati in cantina, dove gli esperti enologi sono riusciti non senza fatica a plasmare materie prime ostiche e dare una dimensione reale a un obiettivo rimasto per molto tempo fuori dai soliti canoni della spumantistica. Un approccio che per Narduzzi crea valore all’impresa e dà ulteriori opportunità di sviluppo ai vitigni autoctoni e al territorio irpino.
Oltre 200 ettari di vigneti in un’area tra la collina e la montagna dove fare agricoltura è di per sé una sfida, la Feudi di San Gregorio (4,5 milioni di bottiglie e 23 milioni di ricavi) di proprietà della famiglia Capaldo è riuscita a imporsi all’attenzione del consumatore italiano ed estero con una gamma di vini che sono appunto l’espressione di questa territorialità Irpina.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli