02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Poster sui rischi dell’alcol in discoteca e nei pub ... Quanto “pesa” una birra sull’etilometro? E quanto si rischia a mettersi al volante dopo una cena con amici innaffiata da un buon rosso? E magari con il tocco finale di un digestivo? Per superare una galleria di leggende metropolitane fiorite sul tema, ma soprattutto per dare finalmente attuazione alle parti dimenticate del decreto Bianchi (117/2007), è stato pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” di ieri (210 dell’8 settembre) il decreto 30 luglio 2008 con le “disposizioni urgenti per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione”.
In realtà il testo, tra tutte le questioni rimaste inesplicate dopo l’emanazione delle norme Bianchi dello scorso anno, si occupa solo delle tabelle per la stima (è bene sottolinearlo: stima) delle quantità di bevande che portano oltre i limiti per la guida (e cioè 0,5 grammi per litro di sangue), oltre alla sintomatologia collegata ai vari stadi dell’ubriachezza.

Queste tabelle (riprodotte qui sotto) dovranno essere esposte dal 23 settembre prossimo in tutti i locali “dove si svolgono con qualsiasi modalità e in qualsiasi orario, spettacoli o altre forme di intrattenimento” e dove ovviamente siano venduti alcolici: in sostanza, pub, discoteche, bar con musica o spettacoli dal vivo, concerti ed eventi assimilabili. E che non debba ridursi a un semplice adempimento formale lo spiega l’allegato 3 al decreto, dove si chiarisce che le modalità di esposizione, la grandezza dei caratteri, l’uso eventuale di immagini, devono garantite la piena visibilità e leggibilità delle tavole “etiliche”. Non solo: titolari e gestori di locali dovranno anche formare barman e camerieri, sensibilizzandoli per una “somministrazione responsabile” dell’alcol ai clienti, per aiutare alla comprensione delle tabelle e ancor prima per far capire ai clienti l’utilità di “adottare i comportamenti suggeriti”.

Le tabelle approvate dal ministero della Salute, per quanto analitiche, sono comunque solo orientative trattando di «livelli teorici di alcolemia» : è infatti impossibile stabilire a priori le reazioni individuali all’alcol, che dipendono da molti fattori per la quasi totalità personalissimi, dallo stato di salute alla compresenza nel fisico di altre sostanze (farmaci o droghe in primis).
Quindi non è detto che un superalcolico di 60 gradi bevuto a stomaco pieno da un uomo di 80 chili “garantisca” un livello di due volte e mezzo inferiore al limite , ma ragionevolmente assicura un margine di sicurezza al primo posto di blocco.
Quanto agli effetti dell’alcol collegati ai vari stadi della “bevuta”, le tabelle della commissione ministeriale aiutano a spiegare gran parte delle stragi stradali. In prossimità del limite si assiste a una “riduzione del coordinamento motorio e dei riflessi”, e della vista periferica, ma una volta superati gli 0,5 grammi/litro cambia l’umore, sviluppando progressivamente rabbia, tristezza, confusione mentale, aggressività.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli