02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il bourgogne del ’90 in regalo da Sotheby ... Scende il Pil americano, precipita quello italiano, Wall Street e le Borse internazionali si ritrovano ai minimi degli ultimi 6 anni. Ed ecco che arriva un altro segno inequivocabile della recessione in atto: il prezzo stracciato del bourgogne Domaine de la Romanée-Conti. All’asta di Sotheby, una cassa da 12 bottiglie del più famoso pinot nero del mondo (annata 1990) è stata assegnata a 151.250 dollari: ossia a un prezzo da saldo di 12 mila e seicento $ a bottiglia, quando, ai tempi d’oro di due anni fa, s’erano pagati ben 22.167 $: un ribasso del 43% che, a ben guardare, è perfettamente in linea con il crollo dell’S&P500. Per fortuna, all’asta di Sotheby c’erano anche tanti acquirenti asiatici e il più grande era cinese. Si capisce che in Occidente anche i ricchi sono costretti a tirare la cinghia di questi tempi e accontentarsi di un Grand Cru un po’ meno nobile.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli