02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il calice mezzo pieno ... Chi l’avrebbe potuto immaginare. Dal mondo del vino arrivano segnali che se non sono del tutto positivi, almeno alimentano la speranza che qualcosa di buono può accadere. Più che aspettativa è sensazione. Che trova conforto nel fatto che al Vinltaly di Verona, il salone internazionale del vino che si inaugura giovedì, per la prima volta gli espositori attesi potrebbero superare i 4.250, un centinaio in più rispetto al 2008. Non solo. Altro segnale è il numero dei Paesi esteri espositori, saliti a 29: due in più (Portogallo e Nuova Zelanda). Ma il dato che colpisce maggiormente gli osservatori è l’affluenza delle pre-adesioni dei buyer. Un anno fa all’inizio di marzo se ne contavano l2mila, per poi salire a 43mila provenienti da 110 Paesi. Ebbene, all’inizio di questo mese i buyer pre-registrati erano 18mila, il 50% in più . Tutto questo in un anno in cui non c’è solo Vinitlay, ma c’è la concorrenza del Prowein di Dusseldorf, che si tiene una settimana prima del Salone scaligero, e di VinExpo di Bordeaux. Se il buongiorno si vede dal mattino.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli