02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Bollino non vuoi dire standard ... Dal Dop all’Igt. Stabiliscono disciplinari produttivi e livelli elevati di garanzia... Per il consumatore mettere in tavola un menu di prodotti tutelati si traduce in una garanzia reale: acquistando un formaggio o un salume, un vino o un ortaggio, un pane o un riso contrassegnati da una di queste denominazioni di origine si è certi di comprare il prodotto “originale”, realizzato secondo le tecniche produttive tradizionali e usando le materie prime tipiche. Infatti per poter scrivere sulle etichette che si tratta di un alimento Dop o Igp o di un vino Doc o Igt le aziende devono impegnarsi a rispettare il disciplinare registrato presso la Ue, dove sono indicati il metodo di produzione e le caratteristiche della materia prima, e devono sottoporsi ai controlli periodici, fatti da esperti esterni. Un settore quello dei prodotti tipici tutelati dove l’Italia si è fatta valere: infatti siamo al primo posto in Europa con 190 alimenti e 477 vini registrati a Bruxelles. Certo, non tutti questi prodotti vantano lo stesso pedigree, perché anche nel mondo delle denominazioni d’origine - nate nella Ue per proteggere i “giacimenti gastronomici” del vecchio continente - ci sono livelli diversi di tutela. La “serie A” dei bollini europei è rappresentata per gli alimenti dalla Dop (Denominazione di origine protetta), e per i vini dalla Docg (Denominazione di origine controllata e garantita) e dalla Doc (Denominazione di origine controllata): queste sigle assicurano che tutto il processo produttivo, dall’origine della materia prima al confezionamento, avviene in un territorio ristretto. Sanciscono dunque al massimo grado il rapporto tra prodotto e terroir, come accade per il Culatello di Zibello o l’Amarone della Valpolicella. Un gradino sotto troviamo gli alimenti Igp (Indicazione geografìca protetta) e i vini Igt (Indicazione geografica tipica): in questo caso i disciplinari sono meno stringenti, perché non si tiene tanto conto dell’origine quanto del legame tra tecniche di produzione e territorio, per cui le materie prime non sono strettamente locali...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli