02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Nelle cantine un pieno di turisti ... Oggi la seconda giornata di apertura per 900 strutture in tutta Italia... Attesi oltre un milione di visitatori. Ogni anno il vino muove un business con ricavi superiori a 1,8 miliardi... Una giornata tra vigneto e cantina per scoprire dal vivo come nasce il vino. È l’obiettivo della 18esima edizione di Cantine aperte, la manifestazione promossa dal Movimento turismo del vino (in partnership con Enel Sì) che apre oggi a circa un milione di turisti le porte di oltre 900 cantine italiane. Un appuntamento partito in sordina (nel ’93 erano appena 100 le cantine coinvolte) ma che nel tempo ha saputo ritagliarsi uno spazio importante in quel fenomeno in crescita che è l’enoturismo: secondo le stime di Censis e Città del vino, nel 2009 ha coinvolto 6 milioni di turisti generando, fra ricezione in cantina e vendite dirette di vino, un giro d’affari di 1,8 miliardi (+20% rispetto al 2008). Dati confermati anche da un recente studio di Nomisma e Confcooperative secondo il quale il 37% delle vendite di vino ormai è effettuato direttamente dal produttore. Ma i numeri da soli non bastano a spiegare l’evoluzione che il turismo enologico ha avuto negli ultimi anni. “Un’attività spesso nata in maniera quasi casuale - spiega il presidente del Movimento turismo del vino, Chiara Lungarotti - ma che si sta rivelando importante. Basti pensare che in molte imprese la sola attività di ricezione può arrivare a coprire fino al 15% del giro d’affari complessivo. Se a questo si aggiunge il fatturato legato alle vendite dirette se ne deduce che l’impatto sui conti dell’azienda è di tutto rispetto”. Indicazioni importanti emergono anche dalla valutazione di come è cambiato il profilo dell’enoturista. “Anni fa si trattava solo di gruppi di amici, spesso stranieri, che acquistavano vino in qualche cantina nelle vicinanze dell’autostrada - spiega Donatella Cinelli Colombini ideatrice della manifestazione Cantine aperte - oggi invece sono soprattutto coppie, nelle quali non di rado è la donna che esercita un ruolo guida e che è maggiormente informata sui vini e sulla gastronomia”. Un turista, quello enologico, che dimostra di essere sempre più attento e informato ma che come contraltare “è “infedele” - aggiunge la Cinelli Colombini - e vuole provare di continuo prodotti ed esperienze nuove e risulta quindi difficile da fidelizzare”. Ed è proprio tenendo conto dei nuovi trend che nel tempo è cambiata l’offerta enoturistica, che è via via diventata più qualificata e oggi dà spazio agli accostamenti mirati con la gastronomia oppure al binomio vino-arte. Passando in rassegna il programma delle oltre 900 cantine che aderiscono all’iniziativa (www.movimentoturismodelvino.it) si nota innanzitutto come Cantine aperte sia l’occasione per visitare barricaie e locali normalmente inaccessibili. È ad esempio il caso della Marchesi Antinori che aprirà al pubblico la propria tenuta di Castello della Sala, nei pressi di Orvieto. In alcune aziende la visita andrà oltre la degustazione per la presenza di musei del vino e di spazi dedicati alla storia della civiltà contadina come nel caso della Castello Banfi a Montalcino, della Lungarotti a Torgiano (Perugia) o di Formentini in Friuli Venezia Giulia. Punteranno sul binomio vino-arte le cantine pugliesi mentre Cantine aperte in Campania avrà come filo conduttore la musica barocca. Ricco il menù degli abbinamenti gastronomici. In Veneto, Zenato punterà su una degustazione di vino bianco Lugana e tonno sardo. La marchigiana Umani Ronchi offrirà i propri vini con i prodotti ittici di Moreno Cedroni. Punterà invece su vino, gastronomia e cultura l’offerta della siciliana Donnafugata che aprirà ai turisti le proprie cantine di Marsala dove i vini saranno abbinati ai formaggi mentre sotto gli ulivi del baglio ottocentesco sarà realizzato, in collaborazione con la casa editrice Giunti, uno spazio dedicato alla lettura. Infine in Toscana, previsti anche “Wine Shuttle”: due bus partiranno da Siena e da Pisa per condurre i turisti in un tour nelle cantine a Montepulciano e Montalcino.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli