02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Enogastronomia. 2,7 milioni di viaggi per 5 miliardi di giro d’affari ... Raddoppiati in un anno i turisti della ristorazione ... Il turismo enogastronomico fa sempre gola e anche nel 2010 cresce a due cifre. Secondo l’Osservatorio nazionale del turismo sono raddoppiati gli italiani che hanno fatto le vacanze in Italia per motivi enogastronomici: i viaggi sono stati circa 2,7 milioni, il doppio dell’anno prima, pari al 4,2% del totale. Numeri apparentemente ancora piccoli, ma il business vale cinque miliardi ed è un motore della vacanza Made in Italy, forse l’unico segmento in costante e continua crescita.

“Il boom dell’enogastronomico - osserva Tulio Marcelli, presidente di Terranostra, l’associazione per l’agriturismo, l’ambiente e il territorio - è guidato dalla riscoperta delle tradizioni e dei sapori. La ristorazione degli agriturismi consente anche di vivere il territorio”. Terranostra è un’associazione legata a Coldiretti, nata per promuovere e diffondere l’esercizio dell’agriturismo e la valorizzazione dell’ambiente rurale. Lo sviluppo del turismo enogastronomico è spinto anche dalle eccellenze del food, infatti l’Italia è l’unico paese che può contare sulla leadership europea nella produzione biologica e nell’offerta di prodotti tipici con un tesoretto di 221 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario e 4.511 specialità tradizionali censite dalle regioni. Ma non è tutto: ci sono anche 504 vini a denominazione di origine controllata (Doc), controllata e garantita (Docg) e a indicazione geografica tipica: 330 vini Doc, 56 Docg e 118 Igt.

“Molti di questi prodotti - sottolinea Marcelli, che è anche un imprenditore agricolo dell’Aretino -possono essere gustati in uno degli oltre l9mila agriturismi censiti in Italia dall’Istat, ma possono anche essere acquistati nei 705 mercati degli agricoltori di Campagna Amica, presenti su tutto il territorio nazionale: si trovano percorsi enogastronomici, città del gusto, fiere e sagre territoriali che sostengono il settore”. Il boom dell’enogastronomico ha fatto decollare anche i prezzi, a volte eccessivi. Come spiegarlo? “Non è vero in assoluto - risponde Marcelli - Talvolta ci sono realtà dove il valore aggiunto è importante, per esempio per le terre di coltivazione, e il prezzo è, di conseguenza, più alto”. Anche per quest’anno gli operatori ostentano ottimismo: la crescita continuerà, a dispetto del declino dei consumi fuori casa. Sul successo del turismo enogastronomico pesa anche l’escursionismo del vino, che da fattore propulsivo è diventato complemento dell’offerta. Secondo alcune stime il segmento dell’enoturismo ha inciso nel 2009 per 1117,3% sul totale dei visitatori e nel 2010 per 1121,5%: in sostanza un turista/visitatore ogni cinque. Ovviamente l’incidenza media dell’enoturismo nasconde realtà molto diverse tra loro, per esempio nel comune di Rimini pesa peril2% e in quello di Montalcino per il 90%.
Nell’elaborazione dei dati per grandi ripartizioni territoriali si segnala un’incidenza decrescente dal Nord verso il Sud del Paese. Cioè nella mappa dell’enoturismo, al Nord c’è un enoturista/visitatore ogni cinque e nel Mezzogiorno meno di uno (esattamente (0,84%) ogni 10.

La forza del Nord è giustificata dalla sforzo di promozione dell’enogastronomico, per esempio nelle zone del Collio e della Franciacorta o le iniziative della regione Emilia Romagna.
Per 112010 le aspettative sono di una discreta crescita molto più vistosa proprio nelle regioni del Sud, con l’attesa di un quasi raddoppio della motivazione enogastronomica.
Secondo i sindaci, uno su due ritiene che nel 2010 il contributo del turismo del vino possa arrivare a rappresentare oltre il 30% del turismo nel proprio comune, uno share di indubbio significato sia in termini sociali che di conto economico.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli