02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Nel 2013 fatturato del vino +3,1%, ma si beve meno ... Consumi di vino in Italia in caduta libera ma l’aumento a a due cifre dei prezzi dà fiato ai produttori. L’anno scorso le vendite divino confezionato nella grande distribuzione sono cresciute a valore del 3,1% a miliardi ma sono scivolate a volume del 6,5%. Un aumento medio dei listini di oltre il 10% ha permesso ai produttori di parare il colpo; l’anno prima le vendite erano calate del 3,7% ma il valore era salito dell’1,7%.
Nel 2013 hanno vinto i vini frizzanti, legati al territorio ma con un consolidamento del trend dei rossi oltre i 6 euro la bottiglia e i bianchi oltre i 5. Si conferma anche il fenomeno all’assuefazione delle promozioni: il taglio dei prezzi risulta sempre meno efficace rispetto alle scelte del cliente. “Il consumatore sceglie di più i prodotti facili da bere - osserva Pietro Rocchelli, consulente di marketing dell’agroalimentare - ma premiano anche le bottiglie dai euro in su. In un arco temporale di 5 anni, escono vincitori il Vermentino, il Bonarda, il Prosecco e il Pignoletto. Bene gli emergenti: Morellino, Negroamaro e Syrah”. Secondo le rilevazioni 2013 di In, il vitigno più venduto è risultato il Lambrusco, oltre 15 milioni di bottiglie, seguito dal Chianti, 13,8 milioni, dal Bonarda, 9 milioni, e dal Barbera, 8,8 milioni. Negli ultimi 5 anni i campioni di crescita sono stati Vermentino (+57%), Prosecco (+44%), Bonarda (+31%) e Gutturnio (+26%). In caduta, Trebbiano (-33%), Nero D’Avola (-31%) e Merlot (-23%). L’anno scorso la pressione promozionale nella gdo ha raggiunto picchi del 50-60%, in particolare nella fascia di prezzo più bassa di bianchi e rossi ma con risultati alterni. “Nella fascia di mezzo si muore - esordisce Ettore Nicoletto, ad di Santa Margherita-. I volumi si realizzano nella fascia bassa e in quella alta: abbiamo ottenuto ottimi risultati cavalcando il fenomeno del Prosecco ma anche grazie a performance nelle categorie, come il Pinot grigio, in crisi. Se si posiziona bene il prodotto nello scaffale e nella fascia prezzo i risultati arrivano”. Infatti nel 2013 Santa Margherita avrà i migliori risultati della sua storia: record per Mol ed Ebit e fatturato a 102 milioni (÷7,1%). Un anno positivo anche per Banfi. “Nell’ultima parte del 2013 - interviene Enrico Viglierchio, dg della cantina senese - abbiamo rilevato segnali di una ripresa importante nella ristorazione; in calo invece nella gdo che sembra orientata più al prezzo”. E il 2014? “Ci sono segnali incoraggianti- conclude Viglierchio - ma è difficile dire cosa accadrà sul medio-lungo termine”. Anche Gianluca Bisol,titolare della cantina di Valdobbiadene, conferma una ripresa nel canale Horeca. “Nel primo bimestre - dichiara l’imprenditore - le vendite sono aumentate dell’8%. E tornato un po’ di ottimismo, dopo la mezza delusione del 2013 con il Pro- secco in crescita di “appena” l’1,5%”. Bisol però conferma che anche quest’anno il driver di crescita rimarrà l’export (il 60% del fatturato).

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli