02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il vino di Baglio punta
su mercati esteri e Italia ... Forti in Sicilia e all’estero,
ma pronti a risalire la Penisola.
Dalle 500 bottiglie del primo vino
rosso prodotto nel 2001 alle attuali
450mila bottiglie ottenute
grazie a un maxi investimento di
12 milioni per la cantina e al traino
dell’export che assorbe la metà
della produzione: così si è sviluppata
la sfida vitivinicola del
conte Paolo Marzotto nella sua
Baglio di Pianetto a Santa Cristina
di Gela nel palermitano. Dopo
aver legato per anni il suo nome
alla saga industriale della famiglia Marzotto,
il conte si è dedicato
alla passione del vino.
Paolo Marzotto è stato anche
presidente della holding di famiglia
Industrie Zignago-S.Margherita,
orientandola sempre
più verso il settore vitivinicolo:
focalizzandosi sul Pinot grigio,
acquisendo il 50% del franciacortino
Ca’ del Bosco e varie tenute
in Toscana. “Dopo 12 anni
di presidenza- racconta Marzotto
- ho lasciato per raggiunti limiti
di età e ho deciso di puntare
sulla produzione vinicola in Sicilia
che, secondo me, aveva grandi
potenzialità. La famiglia non
mina seguito e allora sono andato
avanti da solo”.
Nel’97 l’imprenditore ha acquisito
la prima tenuta in contrada
Pianetto nella zona doc di
Monreale e l’anno successivo
ha acquisito anche la tenuta Baroni
nel comune di Noto. Due
terreni molto diversi che hanno
consentito all’azienda di diversificare
l’offerta di prodotto: oggi
sono tredici le etichette, oltre
all’edizione speciale del vino da
tavola “Agnus” che fa riferimento
al territorio vicentino di provenienza
della famiglia Marzotto.
Gli ettari sono 88, di cui 61 in
produzione, 5 in fase di reimpianto,
3 ad uliveto.
Solo la determinazione di Paolo
Marzotto può spiegare gli investimenti
sostenuti per acquisire
terreni e strutture e gli investimenti
per le nuove costruzioni.
Per esempio solo “la cantina è costata12
milioni- dice il conte-viticoltore
- ma, essendo molto
grande,12 mila mq, potrà tranquillamente
custodire le 650 mila bottiglie
che ci proponiamo di raggiungere”. Poi Marzotto spiega
che l’azienda è cresciuta rapidamente
all’estero: dagli Usa alla
Germania alla Svizzera. E anche
l’anno scorso la crescita
dell’export è stata dell’8%, in Sicilia
del 12%. Baglio di Pianetto è
controllata al 100% dalla holding
veneta Veninvest che, a sua volta,
fa capo a vari membri della famiglia
Marzotto.
Paolo Marzotto è affiancato
nella sua attività dall’amministratore
delegato Alberto Buratto
e dalla seconda e terza generazione:
in tutto 6 cugini, ma in
particolare dalla nipote Ginevra
Notarbartolo di Villarosa.
La famiglia ha scommesso su
una produzione sostenibile e
biologica che amano definire
“pura qualità di vita”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli