02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Vino italiano in Cina, un ritardo da colmare ... In un momento conviviale di un evento ufficiale, in calendario a Milano per il Summit Eu-Asem,tra l’antipasto e un dolce, il presidente di Bank of China, Tian Guoli, confessa a un commensale la sua passione per i vini italiani e si rammarica del fatto di non trovarne molti in Cina. “Solo vini francesi, peccato!”, dice il big della superbanca cinese. Il ritardo italiano è ben noto. In Cina siamo solo ai primi passi, i francesi hanno piantato la bandiera su una grossa fetta di mercato del vino d’importazione. L’Italia, come al solito, rincorre competitor ai quali non ha nulla da invidiare. La cultura del vino italiano è la prima cosa da promuovere, lo sanno bene gli addétti ai lavori. Bisognerà sudare, mandare in giro quelli che Vinitaly chiama “gli ambasciatori del vino italiano in Cina”, cinesi educati in grado di trasmettere entusiasmo e passione. Che Tian Guoli sia, senza saperlo, uno di questi? La cosa fa ben sperare.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli